Staminali: ossa ottenute partend…

Cresciute ossa da cellule…

Sinapsi: individuata una protein…

[caption id="attachment_5…

Test universitario USA migliora …

Una ricerca americana ha …

Neurofibromatosi: passi avanti n…

Un team di ricercatori pr…

Alzheimer: farmaco contro iperte…

Un farmaco usato comuneme…

DNA frammentato che ci ha resi u…

La parziale disattivazion…

Quali sono i geni coinvolti nell…

Un team internazionale di…

Cocaina: la dipendenza contrasta…

E’ una droga in grado di …

Come il cervello regola la densi…

[caption id="attachme…

Moduli a DNA per lo storage dei …

Nuovi progressi nello sfr…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

27 febbraio: all’Istituto San Carlo insieme contro l’ictus

SanCarlo_Promo_ictus_bannerBusto Arsizio (VA), febbraio 2015. Venerdì 27 febbraio, l’Istituto Clinico San Carlo di Busto Arsizio organizza un’open day dedicato alla prevenzione dell’ictus, con visite specialistiche gratuite, comprensive di screening ecocolordoppler dei tronchi sovraortici, al costo di 60 euro anziché 90 euro.

L’ictus è un danno cerebrale che si verifica in seguito a un’interruzione del flusso sanguigno diretto a una parte del cervello, dovuto alla chiusura o alla rottura di un’arteria. Nel nostro Paese si verificano oltre 200.000 ictus ogni anno e ben 930.000 persone presentano postumi invalidanti. Oltre a causare numerosi decessi, questo male rappresenta in Italia la prima causa d’invalidità e la seconda causa di perdita dell’autosufficienza e demenza. Non solo anziani, il 10-15% delle persone colpite ha un’età tra i 18 e i 45 anni.

Nonostante i dati preoccupanti e la scarsa conoscenza di questa patologia tra la popolazione (in tanti non sanno bene cosa sia e ne ignorano le possibilità di cura), l’ictus si può curare, e anche prevenire nell’80% dei casi.

Per riconoscere prontamente l’ictus e limitarne le conseguenze è importante riconoscere i sintomi; tra i più comuni: paralisi e intorpidimento del viso o degli arti, difficoltà a parlare e capire, confusione, difficoltà visiva, difficoltà di deambulazione, forte mal di testa. Ma l’arma migliore rimane comunque la prevenzione. I progressi della medicina hanno permesso di individuare i fattori di rischio, le cause, le cure e gli strumenti per la diagnosi precoce, come lo screening con ecocolordoppler dei tronchi sovraortici. La valutazione dei vasi carotidei e vertebrali con l’ecocolordoppler consente di scoprire se un paziente è portatore di stenosi carotidea e quantificare così il rischio d’ictus cerebrale. Ciò consente d’intervenire con un’adeguata terapia medica o chirurgica, in grado di ridurre tale evenienza. Si tratta di uno strumento diagnostico fondamentale – non invasivo, rapido e indolore – la cui affidabilità dipende però dall’esperienza e dalla capacità dello specialista. La non corretta definizione del grado di stenosi carotidea può, infatti, influire sulla decisione terapeutica, aumentando i rischi per il paziente.

La serietà professionale dell’Istituto Clinico San Carlo assicura la qualità necessaria per una diagnosi accurata e un approccio terapeutico adeguato. Inoltre, per l’occasione, sarà possibile effettuare l’ecocolordoppler al costo di 60 euro invece che 90 euro.

Per partecipare è necessario prenotare al numero:+39 0331 68 50 65.

****

Istituto Clinico San Carlo – Dir. Sanitario Dr. F. Carenzi

L’Istituto Clinico San Carlo è un’organizzazione sanitaria privata che offre risposte efficaci e sicure alle necessità cliniche, funzionali ed estetiche dei propri pazienti grazie a competenze mediche di eccellenza e tecnologie all’avanguardia. San Carlo si impegna a offrire un contributo concreto alla promozione della salute sul territorio e supporta diverse iniziative di solidarietà sociale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: