Secukinumab primo farmaco biolog…

Secukinumab di Novartis è…

IV Giornata Mondiale per la puli…

La Società Italiana di …

L'impegno del cervello per senti…

Sono stati identificati i…

Nuova opportunità terapeutica pe…

PROGRESSI DELLA TERAPIA…

Vasi sanguigni stampati in 3D, p…

I primi prototipi sono gi…

Cervarix contro le forme piu' ag…

[caption id="attachme…

Mucca pazza e sospetti ad Avelli…

I controlli garantisc…

Cancro: identificata molecola ch…

Identificata una molecola…

Il costo energetico del sistema …

[caption id="attachment_8…

Quale influenza hanno avuto le i…

Centomila anni fa la popo…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Malattie rare: da oggi disponibile in Italia il sito web Merck Serono per i pazienti affetti da PKU e le loro famiglie

merck_serono_logo2Merck Serono S.p.A. lancia www.pku.com/it

www.pku.com/it, il sito internet di Merck Serono dedicato alle persone con fenilchetonuria (PKU) e alle loro famiglie, è disponibile da oggi in Italia

Roma, 26 febbraio 2015 – In occasione della Giornata delle malattie rare che si celebra, come ogni anno, il 28 Febbraio, Merck Serono S.p.A. annuncia il lancio in Italia del sito internet www.pku.com/it.

Il sito nasce con l’intento di accompagnare il percorso dei pazienti affetti da fenilchetonuria e delle loro famiglie, nella gestione quotidiana di questa patologia che implica una particolare attenzione a alimentazione e stili di vita.

Raccogliendo il tema della Giornata delle malattie rare 2015, “giorno per giorno, mano nella mano”, www.pku.com/it mette a disposizione dei suoi visitatori una serie di risorse e informazioni utili per comprendere meglio la patologia e il suo meccanismo, gestire l’alimentazione quotidiana, adattare stili di vita e abitudini, supportare al meglio le relazioni tra le persone con fenilchetonuria e i loro famigliari, educatori ed amici.

“Grazie a questa iniziativa – ha dichiarato il Dr. Antonio Messina, Presidente ed Amministratore Delegato di Merck Serono S.p.A. – ancora una volta la nostra Azienda rende tangibile il suo impegno nel mettere i pazienti al centro delle sue attività, con una particolare attenzione alla realtà estremamente importante delle malattie rare”.

La fenilchetonuria (PKU)
La fenilchetonuria (PKU) è una malattia genetica, autosomica recessiva, causata da un difetto o una mancanza dell’enzima fenilalanina-idrossilasi (PAH). La PAH è necessaria per il metabolismo della fenilalanina (Phe), un aminoacido essenziale presente in tutti i cibi contenenti proteine. La PKU colpisce all’incirca 1/10.000 nuovi nati in Europa[1] . Se i pazienti con PKU non seguono una dieta a basso contenuto di fenilalanina, questo aminoacido si accumula e raggiunge livelli alti e anomali nel sangue e nel cervello, causando una serie di complicanze, tra cui gravi ritardi mentali e danni cerebrali, malattie mentali, colpi apoplettici, tremori e problemi cognitivi. In seguito allo sviluppo dello screening neonatale condotto a livello mondiale sui neonati, a partire dagli anni ’60 e ’70, praticamente tutti i pazienti affetti da PKU vengono diagnosticati dalla nascita.

La carenza di tetraidrobiopterina (BH4)
La carenza di BH4 è un disturbo congenito del metabolismo molto raro, e si ritiene che rappresenti l’1-2 % di casi di iperfenilalaninemia (HPA)[2] . La carenza di BH4 è una condizione genetica recessiva autosomica e può derivare dalla carenza di uno qualsiasi dei cinque differenti enzimi coinvolti nella sintesi e nella rigenerazione della BH4. la BH4 è un cofattore indispensabile per la fenilalanina-idrossilasi (PAH). Perciò, la carenza del BH4 danneggia l’attività del PAH conducendo ad una situazione biochimica simile alla fenilchetonuria (PKU), con una iperfenilalaninemia (HPA) che risulta da una ridotta conversione di Phe in tirosina. Inoltre, poiché la BH4 è un cofattore indispensabile per la tirosina idrossilasi e per la triptofano idrossilasi, la carenza di BH4 causa un deficit nella sintesi dei neurotrasmettitori come le catecolamine e la serotonina che utilizzano il cofattore BH4. Con un trattamento a base di BH4, spesso, non sono necessarie le restrizioni alimentari che richiedono la sospensione del consumo di tutte le proteine o di fenilalanina (PHE). Comunque, poiché la BH4 non attraversa la barriera emato-encefalica, una terapia concomitante con i precursori di neurotrasmettitori, come ad esempio Levodopa e 5-idrossitriptofano, può essere necessaria per aumentare i livelli del substrato del sistema nervoso centrale per la sintesi, rispettivamente, delle catecolamine e della serotonina.

Informazioni su Merck Serono
Merck Serono è il business biofarmaceutico di Merck. Con sede centrale a Darmstadt, Germania, Merck Serono offre, in 150 Paesi, prodotti all’avanguardia in oncologia, sclerosi multipla, infertilità, disfunzioni endocrine e del metabolismo, oltre che in patologie cardiometaboliche. Negli Stati Uniti e in Canada Merck Serono opera con proprie affiliate con la denominazione EMD Serono.
Merck Serono ricerca, sviluppa, produce e commercializza farmaci da prescrizione di origine chimica o biotecnologica in indicazioni specialistiche. L’Azienda è fortemente impegnata nello sviluppare nuovi trattamenti nelle proprie aree terapeutiche d’elezione: neurologia, oncologia, immuno-oncologia e immunologia.

Informazioni su Merck
Merck è un’azienda leader specializzata in prodotti innovativi, ad alta qualità e tecnologia, nei settori Healthcare, Life Science e Performance Materials. Il gruppo opera in sei aree di business – Merck Serono, Consumer Health, Allergopharma, Biosimilars, Merck Millipore e Performance Materials. Nel 2013 Merck ha generato vendite per 11,1 miliardi di Euro. Circa 39.000 dipendenti Merck operano in 66 paesi per migliorare la qualità della vita dei pazienti, favorire il successo dei clienti ed aiutare a rispondere alle sfide globali.
Merck è la società farmaceutica e chimica più antica al mondo. Sin dal 1668 Merck vuol dire innovazione, successo imprenditoriale e responsabilità sociale. Ancora oggi, con una partecipazione pari a circa il 70%, la famiglia fondatrice detiene la quota di maggioranza della Società. Merck (Darmstadt, Germania), detiene i diritti globali sul nome e marchio Merck. Le sole eccezioni sono costituite da Canada e Stati Uniti, dove la Società opera sotto la denominazione EMD Serono, EMD Millipore e EMD Performance Materials.

[1] Loeber JG. Neonatal screening in Europe; the situation in 2004. J Inherit Metab Dis 2007; 30: 430-438.
2 Opladen T, Hoffmann GF, Blau N. An international survey of patients with tetrahydrobiopterin deficiencies presenting with hyperphenylalaninaemia. J Inherit Metab Dis 2012, 35: 963-973.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: