Sclerosi multipla: quando il san…

La sclerosi multipla potr…

Gene della longevità: scoperta t…

Esiste un gene della lon…

Batteri e flora intestinale: mag…

[caption id="attachment_6…

Potenziare il sistema immunitari…

Contro l'influenza si puo…

Mieloma multiplo: uno studio apr…

Dalla ricerca italiana nu…

Disturbi comportamentali "da Bis…

Il bisfenolo A ha causato…

Ancora il naso elettronico per '…

[caption id="attachment_8…

Tumori associati alla menopausa …

[caption id="attachme…

Alzheimer: prospettive terapeuti…

Due farmaci in studio per…

La vera differenza rilevata tra …

Utilizzando una tecnica d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Autismo: ideata una scala per rilevarne i segni dai zero ai quattro anni

Una scala per monitorare i progressi delle terapie utilizzate con i bambini autistici fin dalla primissima infanzia, per trasmettere e condividere i risultati con altri professionisti, valutare la qualita’ dell’attaccamento di questi alle figure di riferimento e ottenere la “storia” di ogni genitore/accompagnatore.


Non e’ fantascienza, esiste davvero e l’ha inventata Stella Acquarone, direttrice del Parent Infant Clinic e della School of Infant Mental Health di Londra. Si chiama Pre-autistic Behaviour Scale e sara’ presentata per la prima volta in Italia nel corso della due giorni sull’autismo promossa a Roma dall’Istituto di Ortofonologia (IdO) il 21 e 22 marzo, nell’Aula magna dell’Istituto comprensivo Regina Elena.
autismo_530
La scala viene somministrata per rilevare i segni dell’autismo nei bambini dai 0 ai 4 anni e valutare gli interventi precoci messi in atto.

Acquarone mostrera’ anche dei video relativi ai casi clinici (a 6 mesi di eta’, a 18 mesi e a 24 mesi) prima e dopo l’intervento precoce. L’evento, intitolato “Pre-autistic behaviour scale: osservazione e valutazione degli interventi precoci”, dara’ la possibilita’ alla psicoterapeuta a orientamento psicoanalitico per l’infanzia e l’eta’ adulta di delineare ai partecipanti quali sono i segni precoci dell’autismo, il funzionamento della scala e il suo utilizzo, “al fine di rilevare i primi segnali del comportamento autistico – ha precisato Magda Di Renzo, responsabile del servizio Terapie dell’IdO – e valutare i progressi nel trattamento. L’intervento si concludera’ con l’analisi delle tabelle di sintesi e dei grafici utilizzati nella Scala per mostrare i progressi nel trattamento”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: