Staminali: ossa ottenute partend…

Cresciute ossa da cellule…

Sinapsi: individuata una protein…

[caption id="attachment_5…

Test universitario USA migliora …

Una ricerca americana ha …

Neurofibromatosi: passi avanti n…

Un team di ricercatori pr…

Alzheimer: farmaco contro iperte…

Un farmaco usato comuneme…

DNA frammentato che ci ha resi u…

La parziale disattivazion…

Quali sono i geni coinvolti nell…

Un team internazionale di…

Cocaina: la dipendenza contrasta…

E’ una droga in grado di …

Come il cervello regola la densi…

[caption id="attachme…

Moduli a DNA per lo storage dei …

Nuovi progressi nello sfr…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Nuove frontiere di intervento con il cemento antibiotato per combattere le infezioni alle protesi

   Venerdì 20 marzo esperti lombardi a confronto all’Istituto Ortopedico Gaetano Pini, centro di eccellenza in Italia in questo tipo di trattamento delle complicanze infettive.

Milano, 18 marzo 2015 – “Può accadere che le protesi impiantate la prima volta si contaminino con agenti batterici: non si tratta di imperizia medica ma di complicanze infettive che possono verificarsi al di là di ogni accortezza presa in sala operatoria. Nonostante questo si può intervenire e risolvere a breve il problema grazie all’utilizzo di cementi arricchiti di antibiotici”.

Il dottor Antonio Pellegrini, responsabile della Struttura Semplice Dipartimentale per il trattamento delle complicanze infettive in Ortopedia e Traumatologia dell’Ospedale Gaetano Pini, spiega l’utilizzo del cemento antibiotato, tema al centro del convegno organizzato per venerdì 20 marzo dalle 9 alle 13,30 all’Istituto Ortopedico Gaetano Pini, uno dei pochi ospedali in Italia ad effettuare questo tipo di intervento. “I cementi ossei antibiotati rappresentano un’ottima soluzione per guarire l’infezione di una protesi impiantata da poco – aggiunge Pellegrini -. In questi casi è importante segnalare il problema ai medici per tempo con lo scopo di intervenire il prima possibile, rivolgersi alla struttura adeguata e sottoporsi a un intervento chirurgico per sanare l’infezione. Successivamente, solo a guarigione avvenuta, verrà impiantata una nuova protesi”.

Nel caso di infezioni – la maggior parte delle quali interessano anca e ginocchio – si procede a togliere la protesi infetta in sala operatoria, a pulire l’osso e a inserire materiale di cemento arricchito di antibiotico; questo aiuta a debellare l’infezione. Dopo due o tre mesi, verificata la guarigione, si procede all’impianto di una nuova protesi metallica.

In Italia nel 2012 le protesi di ginocchio sono quasi 60 mila; di queste il 2% ha avuto una complicanza infettiva. “Per questo è necessario intervenire per tempo – conclude Pellegrini – L’utilizzo dei cementi antibiotati c’è già da diversi anni nel nostro ospedale, ma l’utilizzo di nuove combinazioni di antibiotici permette di ottenere sempre migliori risultati. Nel convegno di venerdì approfondiremo le nuove soluzioni di trattamento negli interventi di anca, spalla e ginocchio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: