Rotavirus: vaccinazione fin dai …

Caserta, 14 settembre 201…

Obesità: arriva pacemaker che st…

Un sistema intelligente p…

La mancanza di Una proteina nell…

[caption id="attachment_1…

Epatiti e tumori: diagnosi preco…

Diagnosi precoci e person…

Schizofrenia e disturbi sociali:…

Sono tipici della patolog…

Anemia falciforme: sulla strada …

Scoperta una potenzi…

Sclerosi Multipla: la molecola c…

Messa a punto una nuova m…

Dimostrata la capacità del cerve…

[caption id="attachment_2…

I mutamenti epigenetici causa de…

L'incontrollata prolifera…

Cellule staminali nei topi in gr…

Gli scienziati della …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Second Sight annuncia il successo dei primi impianti del Sistema di Protesi Retinica Argus® II in due nuovi centri in Italia

second_sightSylmar, California – 6 marzo 2015 – Second Sight Medical Products, Inc. (Nasdaq: EYES) (“Second Sight” o “l’Azienda”), azienda che sviluppa, produce e commercializza protesi visive impiantabili per fornire funzionalità visiva a pazienti non vedenti, ha annunciato oggi che due nuovi centri recentemente approvati, situati a Camposampiero e Firenze, hanno completato con successo i loro primi impianti del Sistema di Protesi Retinica Argus II (“Argus II”) in pazienti con degenerazione della retina esterna.

“Siamo entusiasti di vedere estesa la disponibilità di Argus II in Italia”, ha affermato il dottor Robert Greenberg, Amministratore Delegato di Second Sight. “Offrendo Argus II in Italia, siamo in grado di fornire ai pazienti con degenerazione retinica esterna la possibilità di condurre una vita più indipendente, e ciò rappresenta un cambiamento di vita per questi pazienti”.

La degenerazione retinica esterna è il deterioramento dello strato esterno della retina causato dalla morte progressiva delle cellule in quest’area della retina. Un’importante tipologia di degenerazione retinica è la Retinite Pigmentosa  (RP), una malattia rara ed ereditaria che causa una degenerazione progressiva delle cellule fotosensibili della retina, conducendo a un significativo indebolimento visivo che può portare alla cecità. Si stima che circa  2.200 persone ne sono affette in Italia e 167.000 in totale in tutta Europa.

Al momento Argus II è stato impiantato in oltre 100 individui in tutto il mondo, ed è la prima protesi retinica approvata nel mondo. Attualmente il trattamento è offerto presso centri approvati in Canada, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Arabia Saudita, Spagna, Svizzera, Turchia, Regno Unito e Stati Uniti. Il sistema induce la percezione visiva negli individui non vedenti fornendo impulsi elettrici che stimolano le cellule rimanenti della retina, creando la percezione di motivi luminosi nel cervello. Argus II ha la potenzialità di offrire capacità visive che cambiano la vita a coloro che hanno una capacità visiva minima o assente. L’impianto di Argus II può influenzare positivamente la capacità di una persona non vedente di condurre attività quotidiane di routine, come riconoscere forme o grandi oggetti, localizzare persone, identificare la posizione delle porte e seguire contorni e spigoli. In sostanza, ciò significa permettere agli utilizzatori di Argus II di vivere la propria vita quotidiana con maggiore autonomia.

Il Sistema di Protesi Retinica Argus® II

Il Sistema Argus II di Second Sight impiega la stimolazione elettrica per bypassare le cellule morte e stimolare le rimanenti cellule retiniche vitali, inducendo una percezione visiva in persone con retinite pigmentosa da grave a profonda. L’Argus II funziona convertendo le immagini catturate da una videocamera in miniatura montata sugli occhiali del paziente in una serie di piccoli impulsi elettrici, che vengono trasmessi in modalità wireless ad una matrice di elettrodi impiantati sulla superficie della retina. Tali impulsi hanno lo scopo di stimolare le cellule rimanenti della retina, con conseguente percezione di motivi luminosi nel cervello. Il paziente poi impara a interpretare questi modelli visivi, riguadagnando così qualche funzione visiva. Il sistema è controllato da un software ed è aggiornabile, il che può fornire una migliore performance nel momento in cui vengono sviluppati e testati nuovi algoritmi.

Second Sight Medical Products, Inc.

Second Sight Medical Products, Inc., è stata fondata nel 1998 per la creazione di una protesi retinica in grado di dare la vista a pazienti resi ciechi da malattie degenerative della retina come la RP. La missione di Second Sight è quella di sviluppare, produrre e commercializzare impianti visivi protesici innovativi per consentire a persone non vedenti di acquisire una maggiore indipendenza. Un esperimento sulla protesi retinica Argus II è attualmente in corso per testare la sicurezza e l’efficacia di Argus II in pazienti con Degenerazione Maculare Secca. Second Sight sta sviluppando anche la protesi corticale Orion™ per ripristinare la visione nei soggetti non vedenti per cause diverse dalle condizioni prevenibili o trattabili. La popolazione di ciechi legalmente accertati e potenzialmente eleggibili per la futura protesi corticale Orion è di circa 175.000 persone in Italia e 6 milioni nel mondo. La sede dell’azienda è a Sylmar, California, mentre gli uffici europei si trovano a Losanna, Svizzera. Per informazioni  www.secondsight.com

 

Safe Harbor

Questo  comunicato contiene dichiarazioni previsionali ai sensi della Sezione 27A del Securities Act del 1933 e modifiche e della Sezione 21E del Securities Echange e Exchange Act del 1934 e modifiche e si intende che le dichiarazioni siano coperte dal “porto sicuro” creato da queste sezioni. Tutte le dichiarazioni contenute in questo comunicato stampa che non sono basate su un fatto storico sono “dichiarazioni previsionali”. Anche se il management ha basato ogni dichiarazione previsionale inclusa in questo comunicato stampa sulle attuali aspettative, le informazioni sulle quali si basano queste aspettative possono cambiare. Le dichiarazioni previsionali implicano rischi e incertezze che potrebbero causare risultati effettivi diversi da quelli contenuti nelle dichiarazioni previsionali, come conseguenza di vari fattori inclusi quei rischi e quelle incertezze descritte nei Fattori di Rischio e nelle sezioni Management’s Discussion and Analysis of Financial Condition e Results of Operations contenute nei nostri prospetti finali presentati con la United States Securities e l’Exchange Commission il 20 Novembre 2014. Raccomandiamo di tenere in considerazione quei rischi e quelle incertezze nella valutazione delle nostre dichiarazioni previsionali. Avvertiamo i lettori di non porre eccessivo affidamento su alcuna dichiarazione previsionale, che parla solo a partire dalla data di fatto. Salvo quanto altrove richiesto dalle leggi di sicurezza federale, decliniamo ogni obbligo o impegno a pubblicare qualsiasi aggiornamento o revisione su qualunque dichiarazione previsionale contenuta in questo testo (o altrove) per riflettere qualsiasi cambiamento nelle nostre previsioni riguardo a ogni modifica negli eventi, condizioni o circostanze su cui tale dichiarazione si basa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: