Succo di barbabietola: 'doping' …

Il succo di barbabietola …

Cervello: scoperto un interrutto…

La corteccia prefrontale…

Il modello genomico del lievito …

Attraverso l'analisi dell…

Batteri e guerra di segnali: Pse…

Anche nella lotta tra mic…

TRAPIANTI: UNA SOLA CORNEA INTER…

[caption id="attachment_7…

La fabbrica dei tessuti, le cell…

Le cellule staminali del …

Autismo: Pediatri e Regione Tosc…

L'unione fa la forza anc…

Terapia del Dolore: dal convegno…

Il 2 e 3 luglio a Firenze…

Perdita di memoria: nuova tecnic…

Preoccupati che una dimen…

Vita sessuale meno dolorosa in m…

Il dolore da rapporto ses…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sciroppo di acero massimizza effetto degli antibiotici

Lo sciroppo d’acero, o meglio un suo concentrato, ‘aiuta’ gli antibiotici a sconfiggere l’infezione, rendendo i batteri più vulnerabili ai farmaci. sciroppo-per-la-tosseE’ il risultato di uno studio realizzato da una ricercatrice, Nathalie Tufenkji, dell’università canadese McGill di Montréal, pubblicato su Applied and Environmental Microbiology. Le conclusioni sono promettenti soprattutto per aprire nuove strade per risolvere il grave problema della resistenza batterica agli antibiotici.

I ricercatori hanno preparato un concentrato di sciroppo d’acero, costituito essenzialmente da composti fenolici, di cui il prodotto è ricco.


I test di laboratorio hanno poi rivelato che alcuni batteri che causano infezioni urinarie, erano ‘indeboliti’ dall’estratto. Quando, poi, l’estratto è stato utilizzato in combinazione con gli antibiotici si è notata la capacità di distruggere colonie batteriche normalmente resistenti. Tufenkji e la sua equipe puntano ora a test in vivo e alla sperimentazione clinica, per misurare gli effetti reali sull’uomo.

Secondo l’equipe, le componenti dell’estratto di sciroppo d’acero potrebbero essere aggiunte agli antibiotici per migliorarne l’efficacia, anche perché la sostanza sembra interferire con il codice genetico dei batteri sopprimendo i geni che contribuiscono all’antibioticoresistenza. Tutti gli sciroppi utilizzati in questa sperimentazione, spiegano gli scienziati, sono stati comprati nei supermercati della regione di Montreal prima di essere trasformati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: