Ipertermia per la cura dei tumor…

[caption id="attachment_6…

Passi in avanti nell’identifica…

[caption id="attachment_1…

Clonazione "naturale": i coralli…

La clonazione esiste in n…

Tac spirale: dimezza mortalita' …

[caption id="attachment_1…

Merck Serono presenta nuovi dati…

Ginevra, Svizzera, 2 magg…

Asma: la nuova indicazione per t…

I dati dimostrano ch…

Dal 19 luglio inizia sulla RAI c…

Il prossimo martedi' 19 l…

Mangiare informati è meglio

Una corretta informazione…

Ictus: anche quelli di lieve ent…

Anche se apparentemente p…

Papillomavirus: in arrivo nuovo…

Sono almeno nove i sottot…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

#Marijuana: poche evidenze positive dopo l’utilizzo terapeutico del principio attivo

Nonostante l’uso terapeutico della marijuana sia legalizzato in 23 stati americani e in molti altri si ipotizza di fare altrettanto, ci sono pochissime evidenze scientifiche che dimostrano la sua efficacia nell’alleviare i sintomi di alcune malattie.


Queste, in estrema sintesi, le conclusioni di uno studio della University of Bristol, pubblicato sul Journal of the American Medical Association. Lo studio ha valutato i risultati di 79 ricerche precedenti che hanno coinvolto un totale di 6.500 volontari.cannabis
Dai risultati dell’analisi e’ emerso che le evidenze a favore della marijuana sono molto deboli. E’ stata infatti rilevata una debole associazione tra l’uso di cannabinoidi e il trattamento del dolore cronico.

Ancora piu’ debole gli effetti contro nausea e vomito nei pazienti in chemioterapia, affetti da disturbi del sonno o con la sindrome di Tourette. Di moderata intensita’ sono invece risultati gli effetti contro il trattamento del dolore neuropatico cronico, il cancro e le contrazioni muscolari provocate dalla sclerosi multipla. Al contrario, secondo i ricercatori, sono piu’ forti le evidenze sugli effetti collaterali della marijuana.

In particolare, i cannabinoidi sono stati associati all’insorgenza di vertigini, secchezza delle fauci, nausea, stanchezza, euforia, vomito, disorientamento, sonnolenza, confusione, perdita di equilibrio e allucinazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: