Tumori al rene: promettente la r…

Uno studio verifica la si…

Sclerosi multipla: se scarseggia…

Identificato un mecca…

Metodo CEST ottimo per stanare p…

Una nuova strategia per i…

La discriminante del gruppo sang…

[caption id="attachment_9…

Tumore del seno: l'azione protet…

I broccoli mangiati con u…

[Video] Realizzato al MIT un gel…

http://www.youtube.com/wa…

Dolore da lesione spinale: un ai…

Una sola iniezione potreb…

Nanotecnologia sempre piu' vicin…

[caption id="attachment_5…

Medicina rigenerativa: riparare …

Una sorta di 'macchina de…

Lente a contatto in grado di rid…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Un plauso all’AIFA per l’impegno culturale sugli equivalenti

 Roma, 21 dicembre 2015 – “Ancora una volta va sottolineata la capacità dell’AIFA di mettere a disposizione dei professionisti sanitari e dei cittadini strumenti capaci di migliorare davvero la cultura del farmaco” dice il presidente di AssoGenerici, Enrique Häusermann, commentando la pubblicazione della guida “Medicinali equivalenti – Qualità, sicurezza ed efficacia”. Per l’Associazione dei produttori di equivalenti è fondamentale che la guida parta dalle esigenze di informazione manifestate dagli utenti del Servizio Farmaci. “Mi sembra purtroppo evidente che hanno ancora circolazione informazioni scorrette, dubbi e paure a proposito del medicinale equivalente che non hanno alcun senso alla luce dei dati scientifici e soprattutto della normativa che regge l’introduzione di questi farmaci.


Il ricorso agli equivalenti a volte suscita perplessità che invece non si presentano in altre occasioni eppure, come sottolinea il professor Luca Pani, direttore generale dell’AIFA, per gli equivalenti è possibile tracciare un profilo rischio/beneficio più definito rispetto a quanto sia possibile per qualsiasi nuovo medicinale” prosegue Häusermann.

“Molto è cambiato dal 2005 a oggi, è vero, ma molto resta ancora da fare per portarci alla pari con il resto dell’UE e ci auguriamo che questa guida possa essere un contributo determinante “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: