Sindrome Miastenia congenita: ve…

L'individuazione del gene…

Tumori al seno: con una specific…

Le donne che hanno nel pr…

Boehringer Ingelheim renderà dis…

Ingelheim, 12 maggio, 201…

Cervello: la precarietà della ma…

L'instabilita' della …

Quando il dentista è in vacanza …

Dal dottor Marco Turc…

Déjà-vu: spiegato il fenomeno se…

Quante volte pensiamo di …

Virus Ebola: descritte oltre 300…

L'analisi approfondita di…

Cellule staminali fetali contro …

Una singola iniezione…

Nuovo marker per individuare tem…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

‘Attenti alle bufale’, il nuovo portale di informazione medico-sanitaria a tutela del cittadino

[ADUC] ’Attenti alle bufale’. Si chiamerà così il sito al quale sta lavorando la Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (Fnomceo) e che avrà l’obiettivo di informare i cittadini contro le ‘false cure’, mettendo in guardia da ciarlatani ed informazioni non controllate veicolate dalla Rete.bufala-web Il nuovo ‘portale’, che sarà accessibile dal sito web della Fnomceo, dovrebbe partire entro un paio di mesi e si punta a coinvolgere esperti di fama nazionale che possano dare risposte chiare ai cittadini.

”Oggi la Rete rappresenta per un numero crescente di persone uno strumento fondamentale per informarsi, ma anche – afferma la presidente Fnomceo Roberta Chersevani – un luogo dove cercare ‘cure’ e ‘terapie’. Purtroppo, però, in rete si pesca di tutto e, spesso, si corre il rischio di rimanere ‘impigliati’ in informazioni false, poichè sul web non vi è alcun controllo a garanzia della validità scientifica dell’enorme mole di informazioni veicolate”.


L’obiettivo, afferma, ”è dunque potenziare l’informazione ai cittadini, tenendo sempre presente che il Codice deontologico medico ha regole ben precise: il medico non può allontanarsi da posizioni validate scientificamente, pena la radiazione”. Ma il vero problema, conclude, ”è che spesso dietro tali false e costose terapie si nascondono solo interessi economici, e si gioca sulla debolezza delle persone malate”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: