Dolore: cresce del 15% il consum…

Si concludono oggi le pri…

Mal di schiena: arriva il softwa…

Presentato per la prima v…

Dal colesterolo una speranza con…

[caption id="attachm…

“Creating beauty”: l’esperienza …

Sono giovani. Sono pieni …

Un nuovo composto per impedire l…

Buone news sul fronte vir…

Neuroni specializzati nella dist…

Alcune ricerche condotte…

Morbo di Chagas: trypanosomiasi …

La trypanosomiasi si sta …

Geni del metabolismo cellulare: …

Una molecola potrebbe aiu…

Primo cuore artificiale in un uo…

Anche al Policlinico ''A.…

Anemia: una patologia da affront…

Nasce “Anemia Alli…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cancro al pancreas: vecchi farmaci impiegati nel trattamento della schizofrenia ne rallentano l’insorgenza

Un farmaco impiegato per la cura della schizofrenia ha permesso di rallentare la crescita del tumore al pancreas.  Il farmaco in questione e’ un inibitore di un recettore della dopamina, che, qualora non venga disattivato era stato legato ad un aumento della massa tumorale.

In un articolo pubblicato sulla rivista Gastroenterology, i ricercatori della McGill University e del German Cancer Research Center hanno spiegato che nel corso di uno studio molto ampio a cui hanno partecipato anche altri gruppi di ricerca tra cui uno di Verona, hanno focalizzato la loro attenzione sul gene DRD2 (recettore della dopamina) che e’ stato visto essere particolarmente attivo nelle cellule tumorali piuttosto che in quelle pancreatiche sane.


Dopo questa scoperta i ricercatori hanno somministrato ad alcune cavie che erano colpite da tumore dei farmaci che bloccano la dopamina, peraltro gia’ noti dagli anni ’50, osservando che non solo i topi sviluppavano tumori piu’ piccoli, ma che questi crescevano molto piu’ lentamente dei topi non trattati e con un numero di metastasi inferiore.

”Ora ci troviamo – ha spiegato il principale autore della ricerca, Yasser Riazalhosseini – al momento di partenza di questa nuova strategia terapeutica. Il prossimo passo sara’ quello di valutare i risultati al meglio su ulteriori modelli animali, prima di passare alla sperimentazione sull’uomo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: