“Adherence to treatment in chron…

Roma, 5 aprile 2013 – Cir…

Vitiligine: novità terapeutiche …

Nessuna cura, tante cure.…

Disarmare i batteri e lasciarli …

La prossima strategia nel…

TRAPIANTI: UNA SOLA CORNEA INTER…

[caption id="attachment_7…

Novità, risultate da studi di ge…

[caption id="attachme…

Alzheimer: farmaco contro iperte…

Un farmaco usato comuneme…

Tumori: virus Herpes simplex mod…

[caption id="attachment_8…

Fondazione Maugeri: nasce la Bio…

Inaugurata la Biobanca ti…

Boehringer Ingelheim Animal Heal…

• Boehringer Ingelheim An…

Crioconservazione staminali: in …

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Teva, in collaborazione con Intel, ha sviluppato una tecnologia unica indossabile e una piattaforma di apprendimento automatico in grado di analizzare e tenere costantemente monitorati i sintomi della malattia di Huntington

La piattaforma aiuta a comprendere meglio la progressione della malattia e l’impatto delle terapie. 

Gerusalemme, 15 Settembre, 2016 –   Teva Pharmaceutical Industries Ltd (NYSE and TASE: TEVA) ha annunciato la collaborazione con Intel Corporation per sviluppare un particolare dispositivo indossabile unico e una piattaforma di apprendimento automatico (machine learning) da utilizzare per la Malattia di Huntington (HD). Questa piattaforma sarà in grado di monitorare costantemente e di analizzare i principali sintomi che impattano sulla vita quotidiana dei pazienti. Si tratta di un grosso sforzo per meglio comprendere la progressione della patologia e per migliorare la valutazione delle terapie.

Teva, in collaborazione con Intel, utilizzerà per la prima volta questa nuova piattaforma tecnologica in un sotto-studio all’interno dello studio di fase II in corso Open-Pride HD. Ai pazienti verrà chiesto di usare uno smartphone e di indossare uno smartwatch fornito di una tecnologia sensoriale in grado di misurare costantemente le loro funzionalità di base e il movimento. Questi dati saranno inviati tramite collegamento Wi-Fi a una piattaforma con un sistema di archiviazione virtuale (cloud) sviluppata da Intel per analizzare i dati provenienti dai dispositivi indossabili. Algoritmi proprietari tradurranno questi dati, quasi in tempo reale, in punteggi oggettivi sul grado di severità dei sintomi motori. Lo studio partirà entro la fine dell’anno e si terrà all’interno di centri situati negli Stati Uniti e in Canada. corea_huntington

Questa collaborazione unirà le capacità di Intel di analisi e sviluppo di algoritmi per la rilevazione del movimento, alla profonda conoscenza ed esperienza di Teva nella ricerca e nel trattamento della Malattia di Huntington. La Malattia di Huntington è una patologia devastante che è in attesa disperata di opzioni terapeutiche, e che richiede modalità innovative che siano in grado di valutare e quantificare costantemente i sintomi a distanza, per fornire feedback significativi che possano tradursi in azioni concrete da parte di medici, pazienti e caregivers.

“Lo scopo di questo importante progetto è di fornire un flusso continuo di dati oggettivi sull’impatto della Malattia di Huntington sui pazienti e, di conseguenza, una chiara comprensione dell’impatto delle terapie sulla qualità di vita dei pazienti,” ha dichiarato Michael Hayden, Presidente della Ricerca e Sviluppo Globale e Direttore Scientifico di Teva. “La misurazione dei sintomi oggi si basa soprattutto sull’osservazione del paziente in visita dal medico. Ora questa tecnologia ci consente di avere un monitoraggio continuo. Questa tecnologia unica potrebbe essere un’integrazione nei futuri trial clinici sulla Malattia di Huntington.”

 “I pazienti quotidianamente generano una mole di dati che può aiutare a migliorare la gestione della patologia – e anche indossare semplicemente uno smart watch può fornire indicazioni utili,” aggiunge Jason Waxman, Vice Presidente Corporate e Direttore Generale del Datacenter Solution Group di Intel. “La complessità di analisi di questi flussi di dati richiede una piattaforma di apprendimento automatico (machine learning), capace di aiutare l’industria farmaceutica a realizzare trial clinici migliori, più veloci e in grado di portare a potenziali nuovi trattamenti per i pazienti”. 

Questa soluzione di archiviazione virtuale (cloud) che permette di analizzare i dati che arrivano dai dispositivi indossabili è stata sviluppata utilizzando la piattaforma di software open-source di Intel Trusted Analytics Platform (TAP), ottimizzata in prestazioni e sicurezza, per accelerare la creazione di soluzioni di analisi avanzate e di sistemi di apprendimento automatico (machine learning). Il progetto iniziale è stato sviluppato in collaborazione con la Micheal J. Fox Foundation per l’utilizzo nella ricerca sulla Malattia di Parkison.

Malattia di Huntington

La Malattia di Huntington è una malattia neurodegenerativa mortale caratterizzata da movimenti scoordinati e incontrollabili, danneggiamento delle funzioni cognitive e comportamentali e/o problemi di carattere psicologico. I classici sintomi iniziali tipici della Malattia di Huntington si verificano intorno alla mezza età, ma si possono anche manifestare nei bambini o negli anziani. La Malattia di Huntington è la più comune causa genetica di anomali e involontari movimenti contorti detti corea. La progressione della malattia è caratterizzata da un graduale declino del controllo motorio, cognitivo e della stabilità mentale e generalmente porta al decesso dopo 15-25 anni dalla diagnosi.

La Malattia di Huntington è una malattia genetica che si trasmette dai genitori ai figli attraverso una mutazione genetica. Ogni persona con genitore affetto dalla Malattia di Huntington ha il 50% di possibilità di ereditare il gene della patologia. Se non eredita il gene, non svilupperà la patologia e non la passerà alle generazioni future. Una persona che ha ereditato il gene della Malattia di Huntington prima o poi svilupperà la patologia. In base all’Organizzazione Mondiale della Sanità, la Malattia di Huntington affligge dalle cinque alle sette persone ogni 100.000 abitanti nei paesi occidentali. 

Teva

Teva Pharmaceutical Industries Ltd. (NYSE e TASE: TEVA) è una delle principali aziende farmaceutiche mondiali che offre soluzioni di cura di alta qualità e su misura a milioni di pazienti ogni giorno. Con sede in Israele, Teva è il più grande produttore di farmaci equivalenti al mondo e grazie al suo portfolio di oltre 1.000 molecole produce una vasta gamma di farmaci equivalenti per quasi tutte le aree terapeutiche. Teva, nel settore dei farmaci specialistici, è leader mondiale per i trattamenti innovativi nelle aree del Sistema Nervoso Centrale, della terapia del dolore e del sistema respiratorio. Teva integra la ricerca e lo sviluppo globale con le proprie competenze nel campo dei farmaci equivalenti e specialistici per formulare nuove risposte ai bisogni insoddisfatti dei pazienti combinando sviluppo di farmaci, dispositivi, servizi e tecnologie. Il fatturato netto di Teva ha raggiunto $ 19,7 miliardi nel 2015.

Per ulteriori informazioni www.tevapharm.com.

Teva’s Safe Harbor Statement under the U. S. Private Securities Litigation Reform Act of 1995:

This release contains forward-looking statements, which are based on management’s current beliefs and expectations and involve a number of known and unknown risks and uncertainties that could cause our future results, performance or achievements to differ significantly from the results, performance or achievements expressed or implied by such forward-looking statements. Important factors that could cause or contribute to such differences include risks relating to: our ability to develop and commercialize additional pharmaceutical products; competition for our specialty products, especially Copaxone® (which faces competition from orally-administered alternatives and a generic version); our ability to integrate Allergan plc’s worldwide generic pharmaceuticals business (“Actavis Generics”) and to realize the anticipated benefits of the acquisition (and the timing of realizing such benefits); the fact that following the consummation of the Actavis Generics acquisition, we are dependent to a much larger extent than previously on our generic pharmaceutical business; potential restrictions on our ability to engage in additional transactions or incur additional indebtedness as a result of the substantial amount of debt incurred to finance the Actavis Generics acquisition; the fact that for a period of time following the Actavis Generics acquisition, we will have significantly less cash on hand than previously, which could adversely affect our ability to grow; the possibility of material fines, penalties and other sanctions and other adverse consequences arising out of our ongoing FCPA investigations and related matters; our ability to achieve expected results from investments in our pipeline of specialty and other products; our ability to identify and successfully bid for suitable acquisition targets or licensing opportunities, or to consummate and integrate acquisitions; the extent to which any manufacturing or quality control problems damage our reputation for quality production and require costly remediation; increased government scrutiny in both the U.S. and Europe of our patent settlement agreements; our exposure to currency fluctuations and restrictions as well as credit risks; the effectiveness of our patents, confidentiality agreements and other measures to protect the intellectual property rights of our specialty medicines; the effects of reforms in healthcare regulation and pharmaceutical pricing, reimbursement and coverage; competition for our generic products, both from other pharmaceutical companies and as a result of increased governmental pricing pressures; governmental investigations into sales and marketing practices, particularly for our specialty pharmaceutical products; adverse effects of political or economic instability, major hostilities or acts of terrorism on our significant worldwide operations; interruptions in our supply chain or problems with internal or third-party information technology systems that adversely affect our complex manufacturing processes; significant disruptions of our information technology systems or breaches of our data security; competition for our specialty pharmaceutical businesses from companies with greater resources and capabilities; the impact of continuing consolidation of our distributors and customers; decreased opportunities to obtain U.S. market exclusivity for significant new generic products; potential liability in the U.S., Europe and other markets for sales of generic products prior to a final resolution of outstanding patent litigation; our potential exposure to product liability claims that are not covered by insurance; any failure to recruit or retain key personnel, or to attract additional executive and managerial talent; any failures to comply with complex Medicare and Medicaid reporting and payment obligations; significant impairment charges relating to intangible assets, goodwill and property, plant and equipment; the effects of increased leverage and our resulting reliance on access to the capital markets; potentially significant increases in tax liabilities; the effect on our overall effective tax rate of the termination or expiration of governmental programs or tax benefits, or of a change in our business; variations in patent laws that may adversely affect our ability to manufacture our products in the most efficient manner; environmental risks; and other factors that are discussed in our Annual Report on Form 20-F for the year ended December 31, 2015 and in our other filings with the U.S. Securities and Exchange Commission (the “SEC”). Forward-looking statements speak only as of the date on which they are made and we assume no obligation to update or revise any forward-looking statements or other information, whether as a result of new information, future events or otherwise.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: