Meccanismo che fornisce ferro di…

[caption id="attachment_8…

Fecondazione: Chianciano innovat…

In Italia oltre 45.000 n…

Il resveratrolo, molecola natura…

[caption id="attachment_2…

Paracetamolo a rischio insorgenz…

[caption id="attachment_1…

Morbo di Creutzfeldt-Jakob: l'Is…

Uno studio dell'Istituto …

La vitamina C riesce a protegge…

[caption id="attachme…

Crio-chirurgia con tecnica minii…

Un'equipe multidisciplina…

Sensore intelligente: 5 secondi …

[caption id="attachme…

Legame stretto tra diabete e sco…

[caption id="attachment_9…

Le sorprese del primo genoma di …

[caption id="attachment_7…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori: 30 nuove diagnosi al giorno in soggetti under 40

“Ogni giorno in Italia vengono diagnosticati 30 casi di tumore in pazienti under 40, pari al 3 per cento delle nuove diagnosi. La perdita della prospettiva della paternita’ o maternita’ a seguito dei trattamenti anti-cancro puo avere un impatto notevole sulle persone che vivono l’esperienza della malattia e sui loro progetti futuri.

Per questo e’ indispensabile che questi giovani pazienti siano immediatamente informati delle possibili tecniche per preservare la fertilita'”.cellule_cancerose Questo e’ il messaggio lanciato dall’Associazione italiana di oncologia medica (Aiom), esprimendo il suo appoggio al Fertility Day 2016. “Il periodo finestra tra il momento in cui il paziente riceve la diagnosi di tumore e l’inizio della terapia – ha detto Carmine Pinto, presidente dell’Aiom – e’ l’unico spazio utile per la crioconservazione dei gameti, cioe’ il loro congelamento e conservazione a bassissime temperature.


Le principali tecniche di preservazione della fertilita’ nella donna sono costituite dalla crioconservazione degli ovociti o del tessuto ovarico e dall’utilizzo di farmaci (analoghi LH-RH) per proteggere le ovaie, nell’uomo dalla crioconservazione del seme o del tessuto testicolare”. Il materiale biologico puo’ rimanere crioconservato per anni ed essere utilizzato quando il paziente ha superato la malattia. “Le strutture sanitarie – ha aggiunto Pinto – devono implementare e integrare al loro interno sia le competenze oncologiche che di medicina della riproduzione e queste conoscenze devono essere presenti in tutte le Regioni del nostro Paese, con professionalita’ e tecnologie adeguate”.

Il modello organizzativo auspicabile, secondo l’Aiom, e’ rappresentato dalla Rete dei centri di oncofertilita’, in grado di applicare queste tecniche con informazioni costantemente implementate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: