Radiologia del terzo millennio: …

E' nata la radiologia del…

TONADO™ - ulteriori benefici in …

·         Prima present…

Cellule gliali: la scoperta dell…

Una nuova ricerca sul mod…

I "forti" leader sono sempre in …

Uno status sociale elevat…

Meccanismo tumorale comune tra l…

L’oncosoppressore BRCA2 è…

Pallacanestro Varese e Teva Ital…

Continua l’impegno dell…

Diabete e demenza: una dose intr…

Un nuovo studio mostra ch…

Terapie anti-cancro: personalizz…

Secondo l'Organizzazi…

Terapie anti-HIV: efficaci contr…

Le attuali terapie contro…

Italiani in USA scoprono protein…

[caption id="attachment_2…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

A PARUZZARO L’OPEN DAY “SALUTE DELLA MANO”

Il 22 ottobre screening gratuiti all’arto superiore presso il Centro De Ruvo in via Monte Rosa, 30 a Paruzzaro (NO)

Paruzzaro (NO), 17 ottobre 2016 – Sensibilizzare e informare i cittadini sulle principali patologie a carico dell’arto superiore e fornire soluzioni terapeutiche efficaci e tempestive. Questi gli obiettivi dell’Open Day “Salute della Mano” che si terrà il prossimo 22 ottobre presso il Centro De Ruvo a Paruzzaro (NO).open-hand

Si tratta di un’iniziativa di screening gratuiti, organizzata dal professor Giorgio Pajardi, direttore dell’UOC di Chirurgia della Mano dell’ospedale San Giuseppe, Gruppo MultiMedica, Università degli Studi di Milano, rivolta a chiunque, adulto o bambino, voglia conoscere lo stato di salute delle proprie mani.

In dettaglio, dalle 08.00 alle 14.00 in via Monte Rosa, 30 a Paruzzaro (NO) – presso quattro ambulatori dedicati – il professor Pajardi, i medici della sua equipe e il dottor Luca Colombo, fisioterapista del Centro De Ruvo, saranno a disposizione dei cittadini per un check up completo della mano e del braccio. Lo scopo è individuare eventuali patologie artrosiche e infiammatorie e fornire consulti su come trattarle o prevenirne l’insorgenza.

«I problemi più comuni vanno dal tunnel carpale, al dito a scatto, dalla malattia di Dupuytren all’artrosi e alle cisti di vario tipo – spiega Pajardi -. Poi, ci sono le lesioni traumatiche, legamentose e tendinee. Tutte malattie che, se correttamente riconosciute e gestite, possono risolversi facilmente, senza particolari disagi per il paziente, come nel caso della tecnica endoscopica o del trattamento con collagenasi (enzima che permette di rompere il cordone fibroso di Dupuytren tramite una singola iniezione eseguita presso i Centri autorizzati). Tuttavia, ancora oggi, molti pazienti si rivolgono a specialisti non dedicati alla mano, come gli ortopedici, i reumatologi o i fisiatri, arrivando da noi, nel caso, solo in un secondo momento e per passaparola».

L’idea di promuovere un Open Day dedicato alla salute della mano a Paruzzaro, quindi, nasce proprio per ricordare ai cittadini quanto è importante prendersi cura di questo organo e farlo rivolgendosi al medico più adeguato.

«Collaboro con il Centro De Ruvo e con il Professor Pajardi da circa dieci anni e il problema che continuiamo a riscontrare è che i pazienti o non arrivano mai a una corretta diagnosi della propria patologia o ci arrivano troppo tardi – racconta Colombo -. Per questo motivo, abbiamo organizzato una serie di serate di sensibilizzazione e formazione dedicate ai medici di medicina generale, primi interlocutori del cittadino, che hanno il compito di indirizzarli dallo specialista più adeguato. Ora, abbiamo deciso di rivolgerci direttamente alla popolazione con questa iniziativa di visite gratuite».

La “strada” è semplice: si procede con una prima visita e, dopo una serie di accertamenti diagnostici, laddove necessario, con un percorso terapeutico chirurgico o non chirurgico. In caso di operazione, già dopo un giorno dall’intervento, il fisioterapista può muoversi con un primo incontro propedeutico alla definizione dell’iter riabilitativo. Nei casi in cui non è necessaria l’operazione, invece, si passa subito alla fisioterapia.

La patologia della mano più comune, trattata presso il Centro De Ruvo, è il tunnel carpale, in cui è necessario procedere tramite decompressione chirurgica, una tecnica mininvasiva per via endoscopica. «Il giorno dopo l’intervento, nella maggior parte dei casi, è già possibile iniziare la riabilitazione. Ci sono situazioni, poi, come le tendiniti stenosanti, il dito a scatto e la Sindrome di De Quervain dove procediamo direttamente con dei tutori statici e plastici, costruiti direttamente sulla mano del paziente, da indossare solo di notte» – conclude Colombo.

In occasione dell’Open Day del 22 ottobre, quindi, chi si recherà presso il Centro De Ruvo potrà beneficiare gratuitamente di una prima visita del Professor Pajardi e di un consulto con il Dottor Colombo sulle tecniche di riabilitazione, sia conservative che post-operatorie. In seguito, dopo eventuali esami di approfondimento, sarà possibile concordare il percorso di cura più idoneo alla propria situazione.

Per informazioni e prenotazioni, contattare il numero 0322.230265 o scrivere all’indirizzo deruvo_m@libero.it, indicando il numero di telefono a cui essere richiamati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: