"Fate il vaccino anti-Hpv", l'ap…

[caption id="attachment_1…

Infarto: il 50% di probabilità i…

Le persone con Hiv hanno…

Alzheimer: variante genetica che…

Alcune variazioni in un g…

Intelligenza artificiale: la chi…

Capire in che modo il nos…

AIDS: messa a punto una sostanza…

Messa a punto una sostanz…

Tumori: scoperto quale gene nell…

Un team internazionale di…

Calvizie: ricercatori internazio…

Un team di ricercatori in…

Malattia diarroica rilevata da s…

Sviluppato un test sempl…

COMUNICAZIONE DIGITALE IN SANITA…

Istituzioni, aziende, cli…

Antibiotici contro malaria funzi…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: le placche silenti indicano il rischio incipiente del declino cognitivo.

L’imaging del cervello tramite colorante radioattivo aiuta a individuare precocemente quei segni dell’Alzheimer che potrebbero predire il futuro declino cognitivo fra adulti con lieve o assente peggioramento cognitivo.


Lo studio della DUke University e’ stato pubblciato sulla rivista ‘Molecular Psychiatry’. L’identificazione delle placche beta-amiloidi silenti che si sviluppano nel cervello potrebbe aiutare i medici nelle decisioni terapeutiche per i pazienti a rischio di Alzheimer. alzheimer“La nostra ricerca – ha spiegato P. Murali Soraiswamy, fra gli autori dello studio – ha mostrato che gli adulti in salute e quelli con lievi perdite mnemoniche che risultano positivi allo scan cerebrale per queste placche hanno un declino della memoria, del linguaggio e del ragionamento piu’ veloce nel giro di tre anni”. Lo studio ha coinvolto 152 adulti con minimo 50 anni di eta’.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi