Caffeina per il Parkinson, sosta…

La caffeina potrebbe aiut…

Leucemia mieloide acuta: passi i…

Alcuni ricercatori europe…

Farmaco anticancro si rivela eff…

Secondo uno studio pubbli…

Disfunzione erettile: parte la c…

In Italia ne soffrono 3 m…

Connessioni tra apnee notturne e…

I disturbi respiratori ne…

HPV HC2 e PAP test: insieme effi…

[caption id="attachment_7…

La buccia di mandorla, prebiotic…

[caption id="attachment_6…

Cellule staminali da laboratorio

Cellule staminali isolate…

A Trescore Cremasco una giornata…

Venerdì 13 maggio, a Tres…

Tumori: scoperti due nuovi bioma…

Presto un semplice esame …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

In un farmaco per il diabete un aiuto per i malati di Alzheimer

Scienziati all’Università dell’Ulster nel Regno Unito hanno scoperto che un farmaco per il diabete di tipo 2 potrebbe essere usato per aiutare i pazienti affetti da malattie neurodegenerative come l’Alzheimer.

Studi procedenti avevano mostrato che il diabete di tipo 2 è un fattore di rischio conosciuto per il morbo di Alzheimer, e i ricercatori ritengono che la ridotta trasduzione del segnale dell’insulina nel cervello potrebbe ostacolare i neuroni e contribuire a innescare la malattia. I risultati sono stati pubblicati nella rivista Brain Research.

Il professor Christian Hölscher e colleghi del Biomedical Sciences Research Institute nell’Ulster hanno effettuato questa scoperta dopo aver usato un farmaco sperimentale chiamato (Val8)GLP-1. Il loro lavoro ha mostrato che il farmaco simula l’attività di GLP-1, una proteina che si è scoperto aiuta il corpo a controllare la propria risposta al glucosio ematico. In questo studio, i ricercatori hanno osservato che la (Val8)GLP-1 entra nel cervello e non innesca alcun effetto secondario (ai dosaggi che hanno testato), che è l’opposto di ciò che accade normalmente con i farmaci, poiché essi non riescono a passare facilmente dal sangue nel cervello.

Questo farmaco ha provocato la crescita di nuove cellule cerebrali nell’ippocampo, che è un’area del cervello che consolida le informazioni provenienti dalla memoria e breve termine in quella a lungo termine. I loro test hanno mostrato che un blocco dell’effetto della GLP-1 nel cervello porta a difficoltà nelle attività di apprendimento e memorizzazione, ma il comportamento non viene influenzato quando si usa il farmaco.

“Qui al Biomedical Sciences Research Institute, noi siamo realmente interessati al potenziale dei farmaci per il diabete nella protezione delle cellule cerebrali da possibili danni e persino nel favorire la crescita di nuove cellule cerebrali,” ha detto il professor Hölscher. “Questo potrebbe avere importanti implicazioni per malattie come l’Alzheimer o il Parkinson, in cui si verifica la perdita di cellule cerebrali. È molto incoraggiante che il farmaco sperimentale che abbiamo testato, (Val8)GLP-1, sia entrato nel cervello e il nostro lavoro indica che GLP-1 potrebbe essere un bersaglio davvero importante per accrescere la memoria.”

Commentando lo studio, il dott. Simon Ridley, capo della ricerca presso Alzheimer’s Research UK, ha detto: “Noi siamo felici di aver supportato questa ricerca allo stadio iniziale, che indica come questo farmaco sperimentale per il diabete potrebbe anche promuovere la crescita di nuove cellule cerebrali. Mentre sappiamo che la perdita di cellule cerebrali è una caratteristica chiave del morbo di Alzheimer, si deve fare ancora molta strada prima di scoprire se questo farmaco potrà davvero aiutare le persone affette da questa malattia.”

Secondo il dott. Ridley, i risultati ottenuti in questo studio miglioreranno la nostra comprensione dei fattori coinvolti nel mantenimento di neuroni sani. “Con oltre mezzo milione di persone nel Regno Unito che convivono con questa malattia, imparare di più su come mantenere sane le nostre cellule cerebrali è di vitale importanza. I finanziamenti per la ricerca sulla demenza sono molto inferiori rispetto a quelli per altre malattie comuni, ma è essenziale per noi riuscire a comprendere il vero potenziale di una ricerca come questa,” ha concluso.

Per maggiori informazioni, visitare:

Biomedical Sciences Research Institute
http://biomed.science.ulster.ac.uk/bmsri/

Brain Research
http://www.journals.elsevier.com/brain-research/

1 comment

  1. Pingback: In un farmaco per il diabete un aiuto per i malati di Alzheimer | Solo Sogni Blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: