Scienziati polacchi presentano i…

[caption id="attachment_1…

Emergenza Ebola in Guinea (59 mo…

"E' ebola". La conferma a…

Gli "occhi del cervello", parola…

Il cervello ha occhi ovun…

Legge 40 sulla fecondazione assi…

"In uno dei prossimi Cdm …

Dolore, necessaria rivoluzione c…

Sigg e Siot promuovono,…

Cellule in 3D

Anche nella fisica ottica…

Da cellule adulte a staminali: c…

[caption id="attachment_6…

Un ormone, che stimola produzion…

[caption id="attachment_5…

Ai neuroni piace "la dolce vita"

[caption id="attachment_2…

Ebook readers con inchiostro ele…

A differenza degli sc…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Dal 30 aprile al 3 maggio Napoli diventa la culla della pediatria

SIPPSIl capoluogo campano ospita il convegno SIPPS “Napule è…Pediatria Preventiva e Sociale”

Roma, 20 aprile 2015 – Dal 30 aprile al 3 maggio l’Hotel Royal Continental di Napoli ospita“Napule è…Pediatria Preventiva e Sociale”, il convegno organizzato dalla Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS) che ha l’obiettivo di offrire spunti di riflessione sui nuovi fattori di rischio e sulle prossime sfide che il Pediatra di Famiglia è chiamato ad accogliere. Una quattro giorni di incontri e dibattiti che vedrà confrontarsi nel capoluogo campano i massimi esperti di pediatria provenienti da tutta Italia.

Ad inaugurare i lavori, insieme alla presenza delle Istituzioni locali, un Focus sul nuovo ruolo che il pediatra è chiamato a svolgere. “I profondi cambiamenti della società che hanno contribuito a rivoluzionare il concetto stesso di famiglia – dichiara il Dott.


Giuseppe Di Mauro, Presidente della SIPPS
– richiedono un pediatra che si faccia carico anche del disagio emozionale, psicologico ed ambientale del bambino prima e dell’adolescente poi. Il pediatra, infatti, deve essere in grado non solo di individuare eventuali segni di disagio, ma deve anche saper orientare i genitori verso corrette pratiche di accudimento per prevenire o limitare eventuali disagi. Il mio augurio – conclude il Dott. Di Mauro – è che convegni come questo rappresentino un importante momento di riflessione per quanti svolgono questo delicato mestiere”.

 

I lavori di venerdì 1 maggio saranno aperti da “Ogni allergene è bello a mamma sua”, approfondimento dedicato alla prevenzione e alla gestione delle allergie alimentari e respiratorie. Latte vaccino, grano, uova, pesce, frutti di mare e frutta sono, ad esempio, gli alimenti che più rappresentano un rischio nello sviluppo delle allergie alimentari in età pediatrica.

L’acaro, invece, è la principale causa di asma, rinocongiuntivite e dermatite atopica. Per questo la SIPPS sottolinea l’importanza della “prevenzione ambientale”, fornendo

 

indicazioni necessarie quali ad esempio quelle di non utilizzare spray profumati e/o insetticidi, evitare l’uso del camino, bonificare le macchie di umidità o evitare giocattoli di peluche.

Al centro dell’evento anche le novità terapeutiche nel trattamento del naso ribelle e il trattamento haloterapico. A tale proposito verranno presentati i dati di un’importante ricerca scientifica, pubblicata sull“International Journal of Pediatric Otorhinolaryngology”, riguardante gli effetti terapeutici dell’haloterapia su piccoli pazienti con ipertrofia adenotonsillari e patologie correlate.

La mattina di sabato 2 maggio si aprirà con la sessione“Dalla pelle al cuore”, dedicata alla dermatologia, branca della medicina che riguarda bambini e adolescenti molto da vicino. Basti pensare, ad esempio, che durante il periodo adolescenziale circa l’85% del sesso maschile e l’80% del sesso femminile risultano affetti da acne giovanile. Il picco di incidenza si rileva, infatti, nella fascia di età compresa tra i 14 e i 17 anni (nel sesso femminile) e tra i 16 e i 19 anni (nel sesso maschile). Nonostante le sue manifestazioni siano generalmente transitorie, l’acne è una delle patologie cutanee con frequenti implicazioni di ordine psicologico tali da compromettere la qualità di vita dell’adolescente che ne è affetto.

Obesità infantile e cefalee primarie saranno, invece, al centro dei lavori della sessione pomeridiana “Pediatria Preventiva e Sociale”. La cefalea rappresenta il sintomo neurologico più frequente in età evolutiva: quasi il 20% degli episodi, infatti, si manifesta in età prescolare, oltre il 40% in età scolare e tra il 50-82% intorno all’età di 15 anni. Di particolare rilevanza, poi, l’emicrania senz’aura i cui sintomi possono essere differenti rispetto all’adulto: il dolore, infatti, può non avere la caratteristica monolateralità presente nell’adulto né i sintomi associati di fotofobia e fonofobia.

Domenica 3 maggio, invece, ampio spazio verrà dedicato ai giovani medici specializzandi che avranno l’occasione di annunciare le loro esperienze più innovative attraverso la presentazione di attività, casi clinici e progetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: