Precursori dei neuroni da cellul…

Sviluppato un nuovo metod…

Di corsa verso il benessere. Com…

Runner, calciatore, sciat…

Casi di tubercolosi a Milano

Per il primo caso accerta…

Allergie: occhio a quelle "nasco…

Per i pazienti allergici …

La chiave dell'infertilita' masc…

[caption id="attachme…

Colesterolo cattivo e malattie c…

Previene le problematiche…

SLA: occorre un'azione mirata su…

Pubblicato sugli Annals o…

Tornare ad amare dopo il tumore …

L’UNITA’ COMPLESSA DI URO…

L'anello mancante tra virus e ce…

[caption id="attachme…

Leucemia linfoblastica acuta: un…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sperimentazione vaccino leucemia: fin’ora ottimi i risultati

Immagine puramente indicativa

Immagine puramente indicativa

ASP COSENZA – ”Continua con successo la sperimentazione avviata dal Reparto di oncologia di Rossano e coordinata dalla prof.ssa Bocchia dell’Universita’ di Siena per la realizzazione di un vaccino che potrebbe consentire di guarire la leucemia mieloide cronica”. Lo rende noto l’Azienda sanitaria provinciale di Cosenza in una nota. I risultati fin qui ottenuti dall’equipe medica, costituita da specialisti ematologi di cinque tra le piu’ prestigiose universita’ italiane, prosegue la nota, sono stati recentemente illustrati nel corso del 51/mo meeting della Societa’ americana di ematologia che si e’ tenuto a New Orleans la prima settimana di Dicembre e verranno riproposti lunedi’ prossimo, alle 11, nella sede della direzione generale dell’Asp di Cosenza.

Alla Conferenza parteciperanno il direttore generale dell’Asp Franco Petramala, Il direttore sanitario, Antonello Scalzo, il direttore sanitario del presidio ospedaliero di Rossano, Luigi Palumbo e il direttore dell’unita’ operativa di oncologia dell’ospedale di Rossano, Francesco Iuliano.

”Le ricerche – e’ scritto nella nota – sono orientate verso un nuovo approccio terapeutico che consentira’ di evitare il ricorso alla chemioterapia, attraverso il potenziamento delle difese immunitarie del paziente. Si tratta di una innovazione estremamente significativa che sta suscitando un forte interesse nella comunita’ scientifica. A seguito della sottoscrizione del protocollo tra l’Asp di Cosenza e il Comitato etico e’ stato possibile avviare la sperimentazione su 35 pazienti nel reparto di oncologia di Rossano, che avendo arruolato nello studio il maggior numero di casi, e’ diventato il centro principale di riferimento”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: