Ipofisi: in arrivo nuove cure pe…

[caption id="attachment_5…

Anemia di Fanconi curata in vitr…

[caption id="attachment_9…

Senza un’informazione più comple…

Roma, 31 agosto 2015 – “I…

Sclerosi Multipla: gli ecceziona…

Roma, 28 gennaio 2009 – L…

Scritta la mappa genetica del ca…

[caption id="attachment_7…

Virus Ebola: scoperto anticorpo …

Roma, 21 nov - Scoperto u…

Dipendenze: un nuovo modello neu…

Grazie a un test su topi …

Lonquex® (XM22 lipegfilgrastim) …

Il parere positivo del …

Chirurgia minivasiva: una “filos…

A Roma, nell’ambito del C…

Autismo: 'scagionati' quasi del …

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Virus mini-generatori: negli USA ottenuta elettricità…virale

Immaginate di ricaricare il telefonino camminando, grazie a un generatore sottile come un foglio di carta integrato nella suola di una scarpa.

Sembra fantascienza, ma questa immagine oggi è po’ più vicina alla realtà. Gli scienziati del Dipartimento del Lawrence Berkeley National Laboratory (Berkeley Lab) Usa hanno sviluppato, infatti, un sistema per generare energia utilizzando virus innocui, in grado di convertire l’energia meccanica in energia elettrica.
Gli scienziati hanno testato loro approccio creando un generatore che produce una corrente sufficiente per azionare un piccolo display a cristalli liquidi. Il dispositivo funziona toccando con un dito un elettrodo grande come un francobollo, rivestito con virus ingegnerizzati ad hoc.

I microrganismi – non patogeni – convertono la forza del tocco in una carica elettrica. Il generatore ‘made in Usa’ è il primo a produrre energia elettrica sfruttando le proprietà piezoelettriche di un materiale biologico. In futuro, si potrebbero realizzare dispositivi molto piccoli in carico di ‘sfruttare’ e trasformare l’energia prodotta da attività quotidiane, come la chiusura di una porta o il fatto di salire le scale.
Gli scienziati descrivono il loro lavoro online su ‘Nature Nanotechnology’. “Sono necessarie ulteriori ricerche, ma il nostro lavoro è un promettente primo passo verso lo sviluppo di generatori ‘personal’ e altri dispositivi basati sull’elettronica virale”, spiega Seung-Wuk Lee, del Berkeley Lab.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: