Cataratte: le statine diminuisco…

Le statine prevengono l…

Fluoro: un metodo innovativo per…

Il fluoro e' ampiame…

Controllo glicemico: farlo diven…

In uno studio svolto tra …

Stimolazioni muscolari e neurotr…

[caption id="attachment_2…

Per la sopravvivenza del compart…

Il Servizio sanitario sta…

Cancro: allo studio un potenzial…

Scienziati hanno svelato …

Fumo: si ingrassa dopo aver smes…

La maggior parte degl…

Un batterio da Nobel: l'Helicoba…

[caption id="attachment_4…

CCSVI: è patologia vascolare a s…

La CCSVI (Insufficienza V…

Depressione, per l'area più anti…

La reazione allo stress e…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Asma: gli ftalati sono una causa, anche se l’esposizione è avvenuta in gravidanza

Due comuni ftalati utilizzati per la realizzazione di composti chimici impiegati per oggetti di uso comune in casa sono direttamente correlati all’asma nei bambini anche se l’esposizione avviene nel periodo della gravidanza.


Lo ha dimostrato, per la prima volta uno studio realizzato dai ricercatori del Columbia Center for Children’s Environmental Health presso la Mailman School of Public Health che hanno pubblicato i risultati delle loro ricerche sulla rivista ‘Environmental Health Perspectives’.  I ricercatori hanno trovato che i bambini nati da madri esposte durante la gravidanza a livelli piu’ elevati di queste specifiche sostanze chimiche, butilbenzilftalato (BBzP) e di-n-butil ftalato (DNBP) hanno avuto un 72 per cento e il 78 per cento di aumento del rischio di sviluppare l’asma tra 5 e 11 anni rispettivamente, rispetto ai nati da madri con bassi livelli di esposizione. Gli ftalati sono utilizzati in tutto, dai profumi sintetici a contenitori di plastica alimentare, pavimenti in vinile, repellente per insetti, tende da doccia, anche volanti e cruscotti (“odore di macchina nuova” contiene ftalati).

Dal 2009, alcuni ftalati, tra cui BBzP e DnBP-sono stati banditi dai giocattoli per bambini e altri articoli per l’infanzia negli Stati Uniti. Tuttavia non sono state adottate misure per proteggere il feto in via di sviluppo avvisando le donne in gravidanza di esposizioni potenziali. Negli Stati Uniti gli ftalati raramente figurano tra gli ingredienti sui prodotti in cui vengono utilizzati. “Il feto e’ estremamente vulnerabile durante la gravidanza.

Le madri sono praticamente impotenti quando si tratta di ftalati come BBzP e DnBP che sono inevitabili. Se vogliamo proteggere i bambini, dobbiamo proteggere le donne in stato di gravidanza”, dice l’autore senior dello studio Rachel Miller, MD, professore di medicina (in Pediatria) e Scienze della Salute Ambientale alla Columbia University Medical Center; e co-vice direttore del Centro di Columbia per bambini Salute Ambientale presso Mailman School of Public Health della Columbia. I ricercatori hanno seguito 300 donne in gravidanza e dei loro bambini iscritti in studio di coorte longitudinale del centro di New York City.

I livelli di esposizione a ftalati sono stati misurati attraverso metaboliti chimici nelle urine. I campioni sono stati raccolti dalle madri durante il terzo trimestre e nei bambini di eta’ 3, 5, e 7 anni. Quasi un terzo dei bambini (94) ha sviluppato l’asma.
Altri 60 bambini avevano una storia di respiro sibilante e di altri sintomi simili all’asma senza una diagnosi di asma. In questo gruppo anche i ricercatori hanno trovato un legame tra l’esposizione prenatale ai DnBP e i sintomi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: