Tessuto adiposo di fianchi, glut…

[caption id="attachme…

HIV: studio dimostra dove il vir…

Identificata la regione d…

Vent’anni dei farmaci equivalent…

4 miliardi di risparmi da…

Depressione: livelli di folato e…

Scarsi livelli di vitamin…

Carenza di ferro e anemia: nel m…

Diete sbagliate e disturb…

Cancro orale, presto test della …

Presto sara' sviluppato u…

Dieta ipo-proteica per chi soffr…

Una dieta ipoproteica puo…

Linfoma periferico a cellule T: …

[caption id="attachme…

A Valenza una giornata di inform…

Mercoledì 13 aprile, a Va…

Quando il cervello viene salvato…

Ridurre la temperatura co…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumore al pancreas: è italiana la speranza di una cura

Pancreas e cellule pancreatiche

Pancreas e cellule pancreatiche

Berlino, 24 set. – Si accende la speranza per la cura del tumore al pancreas, il piu’ letale, per il quale finora non esiste praticamente cura e che uccide il 95 per cento dei malati entro cinque anni dalla diagnosi. Ed e’ una speranza italiana: il giovane ricercatore Davide Melisi, tornato all’Istituto nazionale tumori di Napoli dopo 4 anni a Houston, ha scoperto una possibile terapia che finora, in fase pre-clinica, ha dato risultati sorprendenti sui topi. Per la prima volta lo studio, presentato al congresso europeo di oncologia Ecco-Esmo a Berlino, dimostra che inibendo l’azione di un enzima chiamato TAK-1 si rendono le cellule tumorali del pancreas sensibili alla chemioterapia, laddove fino a oggi il problema principale era proprio la quasi totale impermeabilita’ delle cellule pancreatiche alle terapie.
Dopo anni di studio, il gruppo dell’Anderson Center di Houston guidato da Jim Abbruzzese ha scoperto che e’ proprio la TAK-1 a rendere cosi’ “ben difeso” il tumore al pancreas, una corazza naturale che Melisi con l’aiuto della casa farmaceutica Ely Lilly e’ per la prima volta riuscito a incrinare grazie a una molecola che la inibisce e la indebolisce. I test sui topi parlano chiaro: dopo aver iniettato le cellule tumorali direttamente nel pancreas (e non sottocute come si fa di solito) alle cavie e’ stata somministrata una dose di farmaco chemioterapico piu’ bassa del normale, riuscendo tuttavia a ottenere una riduzione del 78 per cento del volume del tumore, con un raddoppio della sopravvivenza. “Con questo inibitore della TAK-1 – spiega Melisi – siamo riusciti a far calare di 70 volte la resistenza del tumore: in pratica somministrando una dose 70 volte piu’ bassa di chemioterapico si ottiene la stessa riduzione della massa tumorale. E nei topi la sopravvivenza e’ passata da 66 a 122 giorni. Ora dovremo passare alla fase 1 sugli esseri umani, speriamo di farlo a Napoli”. D’altra parte Melisi, 32 anni, e’ un raro caso di “cervello di ritorno”, che ha rinunciato a un’offerta di cattedra negli States per tornare a fare ricerca in Italia. “All’istituto Pascale di Napoli c’e’ molto fermento – conferma – e nel 2010 contiamo di partire con la fase 1. Ci vorranno anni per rendere disponibile il farmaco, ma il vantaggio, se cosi’ si puo’ dire, del cancro al pancreas, che colpisce solo in Italia 6.000 persone ogni anno, e’ che e’ talmente letale e ci sono talmente poche soluzioni terapeutiche (il piu’ grande successo finora e’ un farmaco che allunga la vita di 14 giorni!) che ogni piccolo risultato e’ un enorme risultato”.

AGI – Salute

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!