La placenta custodisce il segret…

[caption id="attachment_1…

Cellule "TRANS": uno scudo contr…

Una ricerca condotta a qu…

Giornata delle Malattie Rare: B…

Boehringer Ingelheim inve…

Nuovo pancreas nell'intestino de…

Creare un 'nuovo pancreas…

Melanoma: test del vaccino da "p…

Il tumore della pelle…

Nuova Valvola Per Il Trattamento…

Il nuovo sistema per l’im…

Smartphone: la nuova forma di as…

Una ricerca condotta all'…

Il test rapido per l'AIDS arriva…

L'esame sulla saliva potr…

Cellule staminali: spunta un nas…

E' spuntato un pezzetto d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il nuovo stent Zilver PTX a eluizione di farmaco prodotto da Cook Medical potrebbe significativamente ridurre le amputazioni degli arti inferiori e il ricorso a bypass per i pazienti in Europa

Il primo stent a eluizione di farmaco per il trattamento dell’arteriopatia periferica è ora disponibile in tutti i paesi dell’Unione europea

Milano, 29 ottobre 2009 — Grazie ad una importante innovazione tecnologica che potrebbe ridurre in maniera significativa in Europa il numero di amputazioni degli arti inferiori e il ricorso al doloroso bypass chirurgico, è ora disponibile in Italia e in tutti i paesi dell’Unione europea, un nuovo stent a eluizione di farmaco per il trattamento di una diffusa forma di arteriopatia periferica (PAD).



Il nuovo stent Zilver PTX certificato CE sviluppato da Cook Medical è stato presentato oggi in occasione del 3° Congresso della Società Internazionale di Chirurgia Vascolare (IVEC) in corso a Milano. Lo stent Zilver PTX a eluizione di farmaco è il primo stent appositamente approvato per il trattamento dell’arteriopatia periferica che colpisce l’arteria femorale superficiale (SFA), il principale vaso sanguigno della coscia, e promette di migliorare in maniera significativa gli standard per il trattamento di pazienti affetti da occlusioni gravi, mettendo così a disposizione dei medici una opzione terapeutica completamente nuova.

La più importante sperimentazione clinica mai condotta ha dimostrato che nel trattamento dell’arteriopatia periferica lo stent Zilver PTX è in grado di colmare il gap tra i risultati ottenuti ricorrendo ad un bypass chirurgico, solitamente più doloroso e che richiede un ricovero ospedaliero più lungo, e precedenti procedure minimamente invasive quali l’angioplastica a palloncino e gli stent di metallo, tradizionalmente meno traumatici ma anche meno efficaci.

“Lo stent Zilver PTX rappresenta una vera innovazione in grado di ridurre il numero di pazienti affetti da arteriopatia periferica costretti a subire la traumatica amputazione di un arto inferiore o a ricorrere a bypass chirurgico”, ha commentato Massimiliano Celli, responsabile vendite per l’Italia, Linea Periferica Interventistica di Cook Medical. “Supportato da un’ampia sperimentazione clinica, eccezionalmente durevole e senza polimeri, siamo convinti che lo stent Zilver PTX possa affermarsi quale nuovo standard nel trattamento dell’arteriopatia periferica dell’arteria femorale superficiale”.
Cook ha inoltre annunciato la disponibilità della prima banca dati aperta sul trattamento dell’arteria femorale superficiale. La banca dati offre ai medici la possibilità di condividere informazioni sulle diverse opzioni terapeutiche e sulla loro efficacia. Utilizzando un’interfaccia grafica intuitiva i medici sono in grado di seguire i loro pazienti, di monitorare gli ultimi sviluppi nel trattamento dell’arteriopatia periferica e valutare le opzioni terapeutiche più efficaci. La trasparenza dei dati presenti nella banca dati permetterà di mettere a disposizione dei ricercatori, degli enti regolatori e del pubblico i dati relativi a tutte le opzioni terapeutiche.

Al fine di rendere lo stent disponibile a qualsiasi paziente affetto da arteriopatia periferica dell’arteria femorale superficiale, Cook ha adottato una politica di prezzo che mira a ridurre al massimo le barriere associate ai costi e a facilitare le politiche di rimborso nell’ambito dei diversi sistemi sanitari nazionali.

Lo stent Zilver PTX a eluizione di farmaco sviluppato da Cook è il primo stent approvato per il trattamento dell’arteriopatia periferica che colpisce l’arteria femorale superficiale (SFA), il principale vaso sanguigno della coscia. Si tratta di uno stent ad espansione automatica che prima ripristina il flusso sanguigno nell’arteria e poi rilascia in maniera mirata il paclitaxel, il farmaco che riduce il successivo stringimento (ristenosi) delle arterie. Eliminando il bisogno di utilizzare polimeri che negli stent a eluizione di farmaco precedentemente utilizzati rimanevano nel corpo dopo che il farmaco si era dissolto nei tessuti circostanti, il nuovo stent Zilver PTX annulla i rischi potenziali per i pazienti tra i quali la formazione di trombi e di infiammazioni.
Cook ha siglato con Angiotech Pharmaceuticals Inc., società con sede a Vancouver, British Columbia, Canada (www.angiotech.com, NASDAQ: ANPI, TSX: ANP) un accordo di licenza per l’impiego del paclitaxel con gli stent periferici e con altri dispositivi medici non coronarici. Lo stent Zilver PTX a eluizione di farmaco non è attualmente disponibile negli Stati Uniti.

###

Informazioni sull’arteriopatia periferica:

L’arteriopatia periferica è causata dall’aterosclerosi (l’accumulo di materiale lipidico) nelle arterie. Il sintomo più comune della malattia è il dolore alla gamba durante l’esercizio fisico. Con il trascorrere del tempo l’aterosclerosi porta alla restrizione delle arterie (stenosi) con conseguente riduzione del flusso di sangue. La significativa riduzione del flusso di sangue agli arti si configura come ischemia critica degli arti, caratterizzata dall’insorgenza di dolore anche in assenza di esercizio, ferite che non si rimarginano e gangrena cui spesso segue l’amputazione dell’arto.




Informazioni su Cook Medical:

Cook Medical è stata una delle prime aziende che ha contribuito a divulgare la medicina interventistica, ed è una società pionieristica per molti dei dispositivi oggi comunemente usati in tutto il mondo per l’esecuzione di procedure mediche poco invasive. Oggi l’azienda integra progettazione di dispositivi, soluzioni biofarmaceutiche, terapia genica e cellulare, biotecnologie per migliorare la sicurezza dei pazienti e migliorare i risultati clinici nei settori di intervento della valvola aortica, nella cardiologia interventistica, nei settori di terapia critica, nella gastroenterologia, nella radiologia , nei disturbi vascolari periferici, nelle procedure di accesso alle ossa e nell’oncologia, nella chirurgia e nelle riparazioni dei tessuti molli, nell’urologia, nella tecnologia di riproduzione assistita, nella ginecologia e nell’ostetricia ad alto rischio. Cook è stato precedentemente vincitore del prestigioso premio annuale Medical Device Manufacturer (Eccellenza per la produzione medica) della rivista Medical Device & Diagnostic Industry. Per ulteriori informazioni visitare il sito www.cookmedical.com. Cook Medical è presente su Twitter: http://www.twitter.com/CookMedicalPR.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: