Retina artificiale: la prima bio…

Entro cinque anni chi s…

La Neocorteccia

[caption id="attachment_7…

Individuate le aree del genoma c…

Un nuovo studio geno…

Cervello: ciglia cellulari guida…

Un nuovo studio ha mostra…

Fibrosi polmonare idiopatica: nu…

L'Ospedale San Camillo Fo…

Coscienza visiva: la prima inizi…

Anche i bambini più pic…

Batterio intestinale: il process…

Scienziati della Universi…

Sclerosi multipla: il ruolo fond…

Uno studio italiano finan…

Tumori: la combinazione di due f…

Una nuova combinazione …

Farmaci generici di fascia C: po…

 Nonostante abbiano un el…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tessuto vascolare rigenerato con cellule staminali

Super-staminali modificate in laboratorio sono riuscite a rigenerare tessuto vascolare, in particolare i vasi del sangue.

Gli scienziati del Mit (Massachusetts Institute of Technology) sono riusciti a potenziare l’abilita’ delle ‘cellule bambine’ di rigenerare i tessuti, equipaggiandole con i geni che producono fattori di crescita extra (quei composti naturali che stimolano la crescita dei tessuti). Cosi’, in uno studio sui topolini, gli scienziati hanno scoperto che le stuper-staminali hanno generato nuovi vasi vicino al sito di una lesione, permettendo al tessuto danneggiato di sopravvivere.
I ricercatori hanno deciso di verificare se speciali staminali super-potenziate possono essere usate davvero per aiutare a superare un infarto. Cosi’ il team diretto da Daniel Anderson ha rimosso le cellule ‘bambine’ dal midollo di un topo, usando poi nanoparticelle sviluppate ad hoc per liberare il gene del fattore di crescita Vegf (vascolare-entoteliale). Infine le super-staminali sono state impiantate nell’area danneggiata. Queste speciali nanoparticelle biodegradabili, che gli scienziati del Mit hanno gia’ sperimentato per liberare nel punto desiderato le terapie anticancro, sono ritenute piu’ sicure dei virus spesso usati per veicolare la terapia genica.
Benche’ i risultati ottenuti sui topi siano definiti promettenti su ‘Prooceedings of the National Academy of Sciences’, la tecnica necessita di ulteriori miglioramenti prima di poter iniziare un trial simile sull’uomo, concludono i ricercatori.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!