Tumori: nuovo test a basso costo…

Messa a punto una nuova m…

Il meccanismo della molecola ant…

[caption id="attachment_8…

Caffè in gravidanza: rischi di l…

Le donne incinte che bevo…

Papillomavirus: il rischio di co…

Il 50% degli uomini p…

Antidepressivi in gravidanza: no…

Gli antidepressivi in gra…

San Valentino è il protettore de…

Martedì 14 febbraio 2012 …

Longevità femminile superiore al…

Le donne, si sa, tend…

Sudore: una fibra tessile studia…

I ricercatori dell'Imem-C…

Melanoma: incidenza di recidive …

Studio italiano scopre un…

Dopo l'infarto: la mancata riabi…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il sistema immunitario perde la memoria e le infezioni tornano. Ricerca spiega la ‘gaffe’

Perche’ delle persone soffrono di infezioni ripetute e frequenti? La risposta potrebbe essere contenuta nella scoperta di un team di immunologi dell’ universita’ nazionale australiana e dell’ospedale generale di Canberra che hanno individuato un complesso circuito a cui e’ affidato un ruolo critico nel sistema immunitario.

L’unita’ detta DOCK8, composta da un gene e una proteina, ha il compito di conservare la memoria immunologica di lungo termine contro le malattie. Quando la DOCK8 e’ difettosa, l’organismo perde la memoria di specifici microbi invasori e diventa vulnerabile ad essi. ”L’immunita’ normalmente dura per anni dopo che siamo stati immunizzati o infettati, perche’ il sistema immunitario ricorda la forma e l’impronta di un microbo infettante, e continua a produrre anticorpi contro di esso”, scrive Katrina Randall, una delle responsabili della ricerca, sulla rivista Nature Immunology.
La perdita di memoria immunitaria spiega il riattivarsi di infezioni responsabili di herpes, candida e fuoco di Sant’Antonio, e possibilmente anche di certe forme di cancro, aggiunge. ”I vaccini che provocano immunita’ di lunga durata sono fra i piu’ grandi avanzamenti della ricerca medica, ma i circuiti che determinano la loro efficacia sono stati finora fra i piu’ difficili da decifrare”. Secondo l’immunologa, una maggiore conoscenza della DOCK8 portera’ a migliori trattamenti di tumori, autoimmunita’, rigetto di trapianti e allergie, e quindi allo sviluppo di vaccini piu’ efficaci. ”Vi sono molte malattie per le quali non abbiamo ancora un vaccino, quindi piu’ conoscenze abbiamo sulla maniera in cui i vaccini sono efficaci o non lo sono, piu’ le potremo applicare ad altre malattie”, osserva.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi