Contraccezione ormonale, informa…

La Regione rimane fanalin…

Studio su cellule fin'ora ignora…

[caption id="attachment_8…

Poliartrite reumatoide: fattore …

Le giovani donne colpite …

Tubercolosi: scoperto a Pavia nu…

Individuato il bersaglio …

Medici cremonesi sul palco, per …

“Questa sera si recita a …

In america fungo letale per pers…

[caption id="attachment_7…

La nuova mappa cerebrale e il co…

È online il secondo blocc…

Asma: gli ftalati sono una causa…

Due comuni ftalati utiliz…

Alzheimer: Trasporto degli antic…

Identificato un nuovo me…

Nutrigenomica: per conoscere ben…

Le intolleranze alime…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Biomateriali che aiutano la ricrescita dei vasi sanguigni in tessuti danneggiati

Garcia e il biomateriale, l'hydrogel

Ricercatori del Georgia Institute of Technology hanno ideato bio-materiali che permettono la ricrescita più rapida dei vasi sanguigni in tessuti danneggiati, iniettabili senza bisogno di interventi chirurgici. Si chiamano “hydrogel” i polimeri sintetici sviluppati dal team del bioingegnere Andy Garcia (nella foto) e sono delle strutture rivoluzionarie nel campo della medicina rigenerativa, utili come terapia nelle patologie delle arterie periferiche, nelle ischemie e per aumentare la sopravvivenza nei trapianti di cellule e tessuti. Il vantaggio di queste “impalcature” è dato dalla biocompatibilità con i tessuti umani, da una capacità maggiore di sostenere i vasi sanguigni e di funzionare come “serbatoi” semi-liquidi che rilasciano gli amminoacidi necessari a stimolare la ricrescita di vene, arterie e capillari.

Questi piccoli impianti sono biodegradabili, si disintegrano lasciando posto agli altri tessuti una volta raggiunto il loro scopo. Che stando agli esperimenti di laboratorio sembra sia ottenuto con risultati migliori: le micro-Tac hanno infatti mostrato un aumento fino a 6 volte della densità vascolare in 2 settimane e 12 volte in 4 settimane.

Secondo Garcia, l’innovazione è garantita dalla possibilità “di accedere alle zone da trattare in modo minimamente invasivo, iniettando la soluzione attraverso la pelle e senza chirurgia”. (ASCA)

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x