Come la mamma trasmette l''odore…

La paura? E' nell'aria. I…

"Tintarella naturale" con frutta…

Ciò che mangi ti si legge…

Trapianto autologo cellule stami…

Significativi i miglioram…

TEVA annuncia sentenza favorevol…

GERUSALEMME(BUSINESS WIRE…

Nuovo approccio per la terapia a…

[caption id="attachment_1…

Calcoli renali: arriva dallo spa…

Una tecnica in uso per gl…

Progetto Italian ePAQ : incontin…

Arriva in Italia uno stru…

Lo iodio, catalizzatore 'ecologi…

[caption id="attachment_7…

Il cervello come reagisce ad un …

Metà degli ultrasessanten…

Metalli pesanti nei cosmetici: a…

Una nuova ricerca riv…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Biomateriali che aiutano la ricrescita dei vasi sanguigni in tessuti danneggiati

Garcia e il biomateriale, l'hydrogel

Ricercatori del Georgia Institute of Technology hanno ideato bio-materiali che permettono la ricrescita più rapida dei vasi sanguigni in tessuti danneggiati, iniettabili senza bisogno di interventi chirurgici. Si chiamano “hydrogel” i polimeri sintetici sviluppati dal team del bioingegnere Andy Garcia (nella foto) e sono delle strutture rivoluzionarie nel campo della medicina rigenerativa, utili come terapia nelle patologie delle arterie periferiche, nelle ischemie e per aumentare la sopravvivenza nei trapianti di cellule e tessuti. Il vantaggio di queste “impalcature” è dato dalla biocompatibilità con i tessuti umani, da una capacità maggiore di sostenere i vasi sanguigni e di funzionare come “serbatoi” semi-liquidi che rilasciano gli amminoacidi necessari a stimolare la ricrescita di vene, arterie e capillari.

Questi piccoli impianti sono biodegradabili, si disintegrano lasciando posto agli altri tessuti una volta raggiunto il loro scopo. Che stando agli esperimenti di laboratorio sembra sia ottenuto con risultati migliori: le micro-Tac hanno infatti mostrato un aumento fino a 6 volte della densità vascolare in 2 settimane e 12 volte in 4 settimane.

Secondo Garcia, l’innovazione è garantita dalla possibilità “di accedere alle zone da trattare in modo minimamente invasivo, iniettando la soluzione attraverso la pelle e senza chirurgia”. (ASCA)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi