Non solo più botox e filler: sar…

Non piu' solo botox e fil…

Trapianto capelli: nuova tecnica…

Nuove frontiere per comba…

Giuseppe Mele, presidente della …

I genitori di oggi guarda…

Virus influenzali: il cane potre…

Il migliore amico dell'uo…

Ricercatori fanno luce sulle imp…

[caption id="attachment_7…

Linfociti esausti tengono a bada…

Due distinti sottoinsiemi…

L’FDA approva un nuovo farmaco b…

La Food and Drug Administ…

Artrite reumatoide: per 9 person…

Per il 93% dei pazienti c…

Sindrome da delezione cromosoma …

C'e' una predominanza…

Malaria: isolata la proteina chi…

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Biomateriali che aiutano la ricrescita dei vasi sanguigni in tessuti danneggiati

Garcia e il biomateriale, l'hydrogel

Ricercatori del Georgia Institute of Technology hanno ideato bio-materiali che permettono la ricrescita più rapida dei vasi sanguigni in tessuti danneggiati, iniettabili senza bisogno di interventi chirurgici. Si chiamano “hydrogel” i polimeri sintetici sviluppati dal team del bioingegnere Andy Garcia (nella foto) e sono delle strutture rivoluzionarie nel campo della medicina rigenerativa, utili come terapia nelle patologie delle arterie periferiche, nelle ischemie e per aumentare la sopravvivenza nei trapianti di cellule e tessuti. Il vantaggio di queste “impalcature” è dato dalla biocompatibilità con i tessuti umani, da una capacità maggiore di sostenere i vasi sanguigni e di funzionare come “serbatoi” semi-liquidi che rilasciano gli amminoacidi necessari a stimolare la ricrescita di vene, arterie e capillari.

Questi piccoli impianti sono biodegradabili, si disintegrano lasciando posto agli altri tessuti una volta raggiunto il loro scopo. Che stando agli esperimenti di laboratorio sembra sia ottenuto con risultati migliori: le micro-Tac hanno infatti mostrato un aumento fino a 6 volte della densità vascolare in 2 settimane e 12 volte in 4 settimane.

Secondo Garcia, l’innovazione è garantita dalla possibilità “di accedere alle zone da trattare in modo minimamente invasivo, iniettando la soluzione attraverso la pelle e senza chirurgia”. (ASCA)

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!