Disturbi del sonno: potrebbe ess…

Studio della Harvard Medi…

Un gene causa la fragilità ossea

C'e' un gene fra le cause…

Fibrosi cistica: nuova strategia…

Una recente ricerca pubbl…

Nuovo metodo di coltura delle st…

[caption id="attachme…

Infarto: alto consumo di antidol…

L'uso prolungato di cer…

Lotta alle infezioni: in futuro …

I peptidi antimicrobici…

Metabolismo: la proteina che all…

L'attivazione indotta del…

Ischemia cerebrale: studio itali…

[caption id="attachme…

Asma: otto milioni di italiani v…

Grazie alla collaborazion…

PSA: esame dal quale si ottengon…

I possibili benefici e r…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Emulati alcuni processi di riparazione del cervello: eccone uno

La tecnologia sta via via cercando di emulare i processi cognitivi cerebrali, inclusi i ‘piani B’ nel caso in cui la “macchina perfetta” va in panne.

Una centralina che fa il check-up al cervello e scopre se c’e’ qualcosa che non va. E’ una delle scoperte rese possibili dal ”cervello-virtuale” messo a punto dai ricercatori della Lulea University of Technology, in Svezia.

Il clone di silicio che imita le funzioni cerebrali e’ stato sviluppato per comprendere cosa non va quando i processi percettivi ”si inceppano”. Il modello informatico, spiegano ai ricercatori, imita i libretti d’opera che agevolano la comprensione della musica lirica. Per far questo hanno suddiviso le attivita’ del cervello in tre ”vie” per scoprire come voci, musica, vista e altre sensazioni si ”fondono” nel sistema nervoso, anche in presenza di disturbi interni o esterni, come ad esempio il rumore. In questi casi il cervello mette in atto un ”piano B”, spiega il coordinatore della ricerca, Tamas Jantvik, ”se alcune delle fonti di informazioni non funzionano bene o sono interrotte, il sistema continua a funzionare” rilevando e compensando le fonti ”guaste”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi