La luce influisce cognitivamente…

La luce migliora l'attivi…

Merck Serono: approvazione europ…

Ginevra, Svizzera, 6 fe…

Dall'acne all'endocardite

Il batterio che causa l'a…

Dalla saliva del pipistrello un …

Un farmaco a base di sali…

Rosacea: riguarda un adulto su d…

Dai reali d'Inghilterra c…

Tumori: colesterolo "traghettato…

Zattere di colesterolo…

La chiamata alle armi del sistem…

175 milioni di anni di st…

Tecnoassistenza: Italia Longeva …

Roma, 03 Luglio 2014 –Se …

L’appello della Società Italiana…

Oltre il 50% delle malat…

Pesci che ostacolano e combatton…

[caption id="attachment_9…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Nanosensori per biomarcatori tumorali

Una serie di nanosensori messi a punto da un gruppo di ricercatori della Yale University hanno permesso di misurare alcuni biomarker tumorali nel flusso sanguigno.

immigine di un biosensore generico

immigine di un biosensore generico

I risultati, riportati sull’ultimo numero della rivista Nature Nanotechnology, potrebbero semplificare drasticamente la diagnosi in campo oncologico.
Stando a quanto si legge nell’articolo firmato da Mark Reed e Tarek Fahmy, sono stati utilizzati sensori a nanocavi per misurare in particolare un marker per il cancro della prostata e uno per il cancro del seno.
“I nanosensori sono disponibili da circa un decennio, ma funzionano solo in un situazioni sperimentali controllate”, ha commentato Reed. “Questa è la prima volta che siamo in grado di utilizzarli con sangue intero, che rappresenta una complessa soluzione contenente proteine e ioni, oltre ad altri composti chimici che influenzano la rivelazione.”


Per superare questo ostacolo, i ricercatori hanno sviluppato un innovativo dispositivo che agisce da filtro, catturando su un chip i biomarker di interesse – in questo caso gli antigeni specifici per il tumore della prostata e per quello della mammella – lasciando intatto il resto del sangue.
La tecnica è molto precisa, dal momento che permette di rivelare, con un margine d’incertezza del 10 per cento, concentrazioni di biomarcatori dell’ordine di alcuni picogrammi per millilitro cubo, corrispondenti a quella di un granello di sale disciolto in una piscina.

L’articolo si puo’ leggere su Nature Nanotechnology

Archivi