HIV: cure sempre più all'avangua…

Se negli ultimi 15 anni l…

Le barriere coralline che resist…

Gli ecosistemi delle barr…

“Il dolore ha bisogno di cultura…

Informare i cittadini pie…

Malattie muscolari ereditarie: i…

Le cellule muscolari sche…

Acidi grassi omega-3 per miglior…

Bassi livelli di acidi gr…

Il ruolo del selenio nella riduz…

Il selenio è da molti rit…

Nuovo farmaco contro gli attacch…

Scienziati trovano il mod…

Non solo i medici: anche le loro…

Martedì 14 ottobre, a Rom…

TAC: L'Ist. Tumori di Bari riduc…

L'Istituto Tumori di Bari…

La debolezza della cellula cance…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Nanosensori per biomarcatori tumorali

Una serie di nanosensori messi a punto da un gruppo di ricercatori della Yale University hanno permesso di misurare alcuni biomarker tumorali nel flusso sanguigno.

immigine di un biosensore generico

immigine di un biosensore generico

I risultati, riportati sull’ultimo numero della rivista Nature Nanotechnology, potrebbero semplificare drasticamente la diagnosi in campo oncologico.
Stando a quanto si legge nell’articolo firmato da Mark Reed e Tarek Fahmy, sono stati utilizzati sensori a nanocavi per misurare in particolare un marker per il cancro della prostata e uno per il cancro del seno.
“I nanosensori sono disponibili da circa un decennio, ma funzionano solo in un situazioni sperimentali controllate”, ha commentato Reed. “Questa è la prima volta che siamo in grado di utilizzarli con sangue intero, che rappresenta una complessa soluzione contenente proteine e ioni, oltre ad altri composti chimici che influenzano la rivelazione.”


Per superare questo ostacolo, i ricercatori hanno sviluppato un innovativo dispositivo che agisce da filtro, catturando su un chip i biomarker di interesse – in questo caso gli antigeni specifici per il tumore della prostata e per quello della mammella – lasciando intatto il resto del sangue.
La tecnica è molto precisa, dal momento che permette di rivelare, con un margine d’incertezza del 10 per cento, concentrazioni di biomarcatori dell’ordine di alcuni picogrammi per millilitro cubo, corrispondenti a quella di un granello di sale disciolto in una piscina.

L’articolo si puo’ leggere su Nature Nanotechnology

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi