Esposti ai Raggi X, ecco come l'…

I raggi X cui sono espos…

Diabete: l'aumento di acidi gras…

I pazienti affetti da dia…

Malattie della pelle: dieta medi…

"Molte patologie cutanee …

Farmaco contro la ipertensione p…

Un farmaco usato per la p…

Sclerosi sistemica cutanea: in G…

Sono incoraggianti i prim…

“Storie di vita negli anni d’arg…

Una ricerca condotta da F…

Cannabis terapeutica: l'impegno …

L’approvazione della Legg…

Epatite C: dati di fase III dim…

Le mutazioni del virus …

Meningite: nanoparticelle d'oro …

[caption id="attachme…

E-CIG: esperto su Nature, regola…

"Consentire l'uso della s…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Nanosensori per biomarcatori tumorali

Una serie di nanosensori messi a punto da un gruppo di ricercatori della Yale University hanno permesso di misurare alcuni biomarker tumorali nel flusso sanguigno.

immigine di un biosensore generico

immigine di un biosensore generico

I risultati, riportati sull’ultimo numero della rivista Nature Nanotechnology, potrebbero semplificare drasticamente la diagnosi in campo oncologico.
Stando a quanto si legge nell’articolo firmato da Mark Reed e Tarek Fahmy, sono stati utilizzati sensori a nanocavi per misurare in particolare un marker per il cancro della prostata e uno per il cancro del seno.
“I nanosensori sono disponibili da circa un decennio, ma funzionano solo in un situazioni sperimentali controllate”, ha commentato Reed. “Questa è la prima volta che siamo in grado di utilizzarli con sangue intero, che rappresenta una complessa soluzione contenente proteine e ioni, oltre ad altri composti chimici che influenzano la rivelazione.”


Per superare questo ostacolo, i ricercatori hanno sviluppato un innovativo dispositivo che agisce da filtro, catturando su un chip i biomarker di interesse – in questo caso gli antigeni specifici per il tumore della prostata e per quello della mammella – lasciando intatto il resto del sangue.
La tecnica è molto precisa, dal momento che permette di rivelare, con un margine d’incertezza del 10 per cento, concentrazioni di biomarcatori dell’ordine di alcuni picogrammi per millilitro cubo, corrispondenti a quella di un granello di sale disciolto in una piscina.

L’articolo si puo’ leggere su Nature Nanotechnology

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!