L'appendice ha un ruolo adesso b…

È riserva dei batteri buo…

NGF: in pazienti pediatrici con …

La somministrazione di un…

Dolore cronico: negli ospedali i…

Secondo 1 specialista su …

Come l'apparato del Golgi viene …

[caption id="attachment_2…

Polipi colon: prevenzione con fi…

[caption id="attachment_2…

Atrofia muscolare spinale: ident…

Identificato un biomarca…

Stato ipnotico: scienziati getta…

Esiste davvero uno stato …

Tè freddo, dissetante ed estivo,…

Fresco, dissetante, un pi…

Gardasil®: il Comitato Europeo p…

I dati di immunogenicità …

Cannabis: fame "chimica" legata …

Un gruppo di scienziati d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

A rischio servizio agli utenti e posti di lavoro alla Fondazione Santa Lucia di Roma

Cancellata da una legge regionale l’alta specializzazione dell’Istituto, punto di riferimento per tutto il Centro Sud nella riabilitazione, in particolare, di pazienti colpiti da ictus cerebrale.

Roma, 14 gennaio 2010 – Si tiene oggi una conferenza stampa indetta da pazienti/utenti della Fondazione Santa Lucia di Roma per protestare contro la chiusura dell’Istituto. “La situazione che si è venuta a creare a seguito del decreto n. 56 del 28 luglio 2009 della Regione Lazio è gravissima perché si rischia di produrre «effetti drammatici» sull’IRCCS Fondazione Santa Lucia di Roma” – lo comunica la stessa direzione dell’istituto, che ha incontrato nei giorni scorsi le rappresentanze sindacali dei lavoratori per aggiornarle sulla situazione finanziaria e «discutere i possibili provvedimenti che saranno presi per far fronte alla grave crisi».

Il decreto regionale – si legge in una nota dell’istituto – «di fatto cancella la Santa Lucia come ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione per la riabilitazione neuromotoria, impedendo così la possibilità di continuare ad assistere pazienti motulesi e con gravi celebrolesioni acquisite. Ciò in conseguenza dell’adeguamento ai minori requisiti organizzativi previsti dalla normativa regionale per le strutture non di alta specialità”.

Pesanti saranno le conseguenze sui pazienti con Ictus cerebrale ai quali verrà negata la possibilità di accedere ad uno dei centri più qualificati e competenti nella cura della loro malattia.
Pesanti saranno le conseguenze sugli Ospedali per acuti del Lazio che accolgono e curano i pazienti con ictus cerebrale, ai quali verrà meno un punto di riferimento efficiente nel ricoverare i pazienti nelle primissime settimane dopo la malattia.
Pesanti saranno anche le conseguenze sul personale impiegato: 241 dipendenti del ruolo sanitario, pari a circa il 50%, risulterebbero in esubero.

ALICe Italia Onlus, a nome di tutti i pazienti, si augura che l’incontro tra la S. Lucia ed il  Ministero della Salute e della Ricerca dia esito positivo, dimostrando così che la qualità delle cure offerte alle persone colpite da ictus sono davvero una delle priorità di quanti hanno in mano la gestione della salute di noi cittadini.


Ufficio Stampa A.L.I.Ce. Italia Onlus – Associazione per la Lotta contro l’Ictus Cerebrale

Gas Communication Srl Francesca Rossini – Chiara Ippoliti – Mara Cochetti

Corso Vittorio Emanuele II, 305 Roma

Tel: 06 68 13 42 60 – fax 06 68 13 48 76

f.rossini@gascommunication.com – c.ippoliti@gascommunication.com – m.cochetti@gascommunication.com


Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!