Polifenoli del vino rosso: studi…

Un bicchiere di vino ross…

Spray 'ormonato' per addolcire i…

[caption id="attachment_7…

Endometriosi e procreazione: a R…

Da oggi diventare mamme p…

Cervello: descritta la proteina …

Identificato un gene che …

Tumore del polmone: la fisica de…

I software creati per iso…

Vaccino contro il cancro alla ce…

Meno delle tre dosi previ…

Il "caso Stamina" arriva su "Nat…

Il caso Stamina appro…

Sindrome da crescita eccessiva: …

Un gruppo di scienziati …

Nuove associazioni nella contrac…

Migliora il controllo del…

IRCCS S. Raffaele: Cellule stami…

Un'equipe di ricercatori …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

MicroRNA che interagisce coi geni: potrebbe diventare un nuovo meccanismo di regolazione

I microRNA non si limitano a spegnere indirettamente i geni interferendo con l’mRNA, ma sono anche in grado di interagire direttamente con essi

I microRNA possono entrare direttamente in contatto con i geni e silenziarne l’attività. La scoperta dell’esistenza di questo ulteriore meccanismo di regolazione dell’attività dei geni è stata fatta da un gruppo di ricercatori del centro di biologia vegetale dell’Università di Friburgo, in Germania, diretto da Wolfgang Frank e Ralf Reski, che la illustrano in un articolo pubblicato sulla rivista “Cell”.

I geni attivi vengono trascritti in RNA messaggero (mRNA), che funge da stampo per la produzione di proteine da parte dei ribosomi. Nel corso dello sviluppo e in differenti condizioni ambientali l’equilibrio fra geni attivati e non attivi viene finemente modulato e l’alterazione di questo equilibrio può portare a malformazioni o a stati patologici. La scoperta che in C. elegans piccole sequenze di RNA possono attaccarsi alle molecole di mRNA e influenzarne in tal modo l’attività di trascrizione fruttò nel 2006 ai loro autori Craig C. Mello e Andrew Z. Fire, il premio Nobel per la fisiologia o la medicina.
In questo studio i ricercatori hanno ora descritto come i microRNA non si limitino a spegnere indirettamente i geni interferendo con l’mRNA, ma sono anche in grado di interagire direttamente con i geni. In questo processo i geni vengono silenziati attraverso l’aggiunta di gruppi metile, secondo una modalità caratteristica delle interazione epigenetiche.
La scoperta di questo nuove meccanismo di regolazione genica è stata fatta studiando Physcomitrella patens, una briofita, il cui genoma è stato sequenziato fra l’altro nell’autunno scorso, ma secondo i ricercatori è molto verosimile che esso non sia attivo solamente in queste muffe, ma che sia presente anche negli organismi superiori, uomo incluso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: