Carenza di vitamina C in gravida…

Una carenza di vitamina …

AIDS: si studia nuovo vaccino ch…

Hanno esaminato il modo i…

Chirurgia: valutare l’innovazion…

Nel corso del Convegno “S…

iHealth: squadra al servizio del…

iHealth, l’avveniristica …

Una scoperta avvicina ad un vacc…

[caption id="attachment_5…

Emicranie: anche le anomalie res…

Un gruppo di scienziati d…

Malattie cardiovascolari: scoper…

Un gruppo di ricercatori …

Fumatori italiani i meno convint…

I fumatori italiani sono …

ALL’EASL NUOVI DATI SU SIMEPREVI…

I dati confermano l’effic…

“Mettici la Faccia”: disegna il …

Al via il concorso dell’I…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il test della fertilita’ al maschile affidato ad un chip

Il problema dell’infertilità e molto diffuso nei paesi occidentali ed è uno dei motivi per cui molte coppie non riescono ad avere figli.
Spesso il problema è dell’uomo, a causa di anomalie che coinvolgono gli spermatozoi. Un primo passo per capire se è questo il problema è proprio l’analisi del liquido seminale.

Al momento attuale gli unici test affidabili disponibili devono essere eseguiti presso un laboratorio specializzato e spesso devono essere ripetuti più volte.
Il nuovo chip, invece, promette maggiore affidabilità e comodità. In più, la possibilità di eseguirlo a nella privacy di casa propria rende più facile per l’uomo sottoporsi al test.
Così, i ricercatori dell’Università di Twente (Olanda), hanno creato il test ideale per eseguire la conta degli spermatozoi che, ricordano, per essere in misura ottimale devono avere una concentrazione pari a 20 milioni per ogni millimetro di liquido eiaculato.

Per mezzo di elettrodi posti su di un canale che misurano i cambiamenti di resistenza elettrica è possibile ottenere il conteggio differenziando gli spermatozoi da altre particelle o cellule presenti nel liquido che potrebbero invalidare il conteggio, fanno notare i ricercatori.
In fase di test preliminare, gli scienziati hanno aggiunto al liquido delle micro palline e il metodo si è rivelato efficace nel distinguerle dagli spermatozoi.
Lo stesso chip è in grado di distinguere i globuli bianchi che sono indicativi sulla qualità dello sperma e fornisce importanti informazioni per i ginecologi.
Lo studio è stato pubblicato sulla versione online di “Lab on a Chip”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi