Il sistema di crescita di reti c…

Dal metabolismo dei batte…

Identificato il gene della sordi…

[caption id="attachment_6…

Ossigeno inibisce la capacità ri…

Il gas presente nell’aria…

Sintetizzata in laboratorio la H…

Ricercatori dell'Universi…

Occhio bionico: impiantato con s…

Un passo importante per l…

[FOFI] I decreti ci sono, ora ap…

Con la pubblicazione in G…

Cannabis e terapia del dolore: …

All’interno del convegno …

A Cagliari i massimi esperti del…

Fino al 14 ottobre verran…

Spiegata correlazione tra emicra…

[caption id="attachment_5…

Teva annuncia nuovi dati sui pro…

Un congresso sulla ricerc…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il test della fertilita’ al maschile affidato ad un chip

Il problema dell’infertilità e molto diffuso nei paesi occidentali ed è uno dei motivi per cui molte coppie non riescono ad avere figli.
Spesso il problema è dell’uomo, a causa di anomalie che coinvolgono gli spermatozoi. Un primo passo per capire se è questo il problema è proprio l’analisi del liquido seminale.

Al momento attuale gli unici test affidabili disponibili devono essere eseguiti presso un laboratorio specializzato e spesso devono essere ripetuti più volte.
Il nuovo chip, invece, promette maggiore affidabilità e comodità. In più, la possibilità di eseguirlo a nella privacy di casa propria rende più facile per l’uomo sottoporsi al test.
Così, i ricercatori dell’Università di Twente (Olanda), hanno creato il test ideale per eseguire la conta degli spermatozoi che, ricordano, per essere in misura ottimale devono avere una concentrazione pari a 20 milioni per ogni millimetro di liquido eiaculato.

Per mezzo di elettrodi posti su di un canale che misurano i cambiamenti di resistenza elettrica è possibile ottenere il conteggio differenziando gli spermatozoi da altre particelle o cellule presenti nel liquido che potrebbero invalidare il conteggio, fanno notare i ricercatori.
In fase di test preliminare, gli scienziati hanno aggiunto al liquido delle micro palline e il metodo si è rivelato efficace nel distinguerle dagli spermatozoi.
Lo stesso chip è in grado di distinguere i globuli bianchi che sono indicativi sulla qualità dello sperma e fornisce importanti informazioni per i ginecologi.
Lo studio è stato pubblicato sulla versione online di “Lab on a Chip”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!