Ossitocina, l'ormone intelligent…

[caption id="attachment_8…

Il vero occhio della mente

Una serie di test su pazi…

Un feedback sui disturbi cerebra…

I disturbi cerebrali, com…

Perdere peso con dieta ricca di …

[caption id="attachment_1…

Tumori e colesterolo non si diss…

Ridurre il livello di col…

Cancro ai testicoli: scoperto in…

Scoperto un interrut…

Depressione: messo a punto un te…

Un test economico - d…

Medicina della riproduzione: stu…

Stress Ossidativo e Radic…

Matrimoni infelici causano gravi…

Le relazioni di coppia, i…

A.I.D.A. E' boom della dieta ipn…

il 95% è soddisfatto A…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Epatite C: trovato un nuovo potente inibitore della replicazione del virus

Identificato un nuovo potenziale target per la cura dell’epatite C. E’ quanto emerge da uno studio dell’Universita’ dello Utah. Gli scienziati hanno scoperto che il legame tra un potente inibitore del virus dell’epatite C (HCV) e il materiale genetico dello stesso virus causa un cambiamento nella sua conformazione che ne inibisce la capacita’ di replicazione. La scoperte potrebbero portare ad una nuova classe di prodotti terapeutici anche per la febbre gialla e la dengue.
L’HCV appartiene alla famiglia Flaviviridae di virus, che comprende anche i virus che causano la febbre gialla e dengue. Ci sono sei principali genotipi di HCV, che differiscono leggermente nella loro costituzione genetica e variano nella loro risposta al trattamento. HCV è un singolo filamento di acido ribonucleico (RNA) come il suo materiale genetico e il virus si replica copiando questo RNA. Precedenti ricerche hanno dimostrato che la struttura tridimensionale di HCV RNA sembra essere cruciale per l’avvio del processo di replicazione virale.

Davis ei suoi colleghi, tra cui ricercatori Isis Pharmaceuticals Inc., a Carlsbad, in California, ha studiato un potente inibitore di replicazione dell’HCV chiamato Isis-11 per capire come esso inibisce la replicazione virale. Hanno scoperto che Isis-11 si lega a una regione del RNA virale che è comune a tutti e sei i genotipi di HCV, alterando la struttura in un modo che impedisce probabilmente la sintesi delle proteine virali. L’Isis-11 inibitore effettivamente elimina una conformazione piegata dell’ RNA che altri laboratori hanno dimostrato essere necessaria per il corretto funzionamento del HCV RNA genomico.
“Il legame di Isis-11 ha determinato un importante cambiamento conformazionale in una regione specifica dell’HCV RNA che si pensa sia critico per la replicazione virale,” dice Davis. “Questo cambiamento di struttura fornisce un possibile meccanismo per l’attività antivirale di Isis-11 e di altri inibitori della replicazione dell’ HCV in quella classe chimica”.

E ‘possibile che, in quanto gli inibitori della replicazione di HCV come Isis-11 si legano a una regione di RNA che si presenta in tutti i genotipi del virus, potrebbero essere efficaci contro la maggioranza dei genotipi HCV.

“Ora che conosciamo la struttura della forma tridimensionale di questo inibitore possiamo utilizzare questa struttura come base per una strategia che aumenta l’attività anti-virale di questi inibitori”, spiega Davis. “Spero che i nostri risultati porternno ad una nuova classe di potenti e altamente specifiche terapie anti HCV.”

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!