Rush finale per la 2a edizione d…

Scade il prossimo 31 ot…

Vasi sanguigni funzionali da cel…

Le cellule staminali pl…

A OLBIA L’OPEN DAY “LA SALUTE DE…

Il 26 novembre screening …

Un algoritmo permettera' ad un P…

[caption id="attachment_5…

Tumore alla prostata: presto il …

Prossimi gli esiti dei pr…

Il gene TERC causa dell'invecchi…

[caption id="attachment_5…

Tumore al cervello: scoperta la …

[caption id="attachment_1…

Akitalab, un progetto indipenden…

[DAL SITO] 1° Ricerca Ita…

Alzheimer: scoperto un anticorpo…

Un nuovo studio pubblicat…

La possibilita' di un vaccino an…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

[Cordis] Avviata la prima strategia di ricerca europea per le malattie neurodegenerative

Alcuni dei maggiori esperti mondiali sulle malattie neurodegenerative si sono riuniti il 15 aprile a Stoccolma, in Svezia, per iniziare a lavorare ad un programma di ricerca paneuropeo che guiderà i lavori del nuovo Programma congiunto per le malattie neurodegenerative (JPND). Il JPND è la prima iniziativa di programmazione congiunta ad essere avviata, e il suo lancio segna un cambiamento radicale nel modo di finanziare e coordinare la ricerca in Europa.

Attualmente, solo il 15% dei fondi di ricerca pubblici dell’UE sono gestiti a livello europeo, il restante 85% viene erogato attraverso numerosi programmi nazionali. Anche se molti di questi meccanismi nazionali hanno molto in comune, non esiste praticamente alcun coordinamento degli stessi. L’obiettivo della programmazione congiunta è quello di collegare i regimi nazionali che affrontano questioni che sono di importanza europea o mondiale. Unendo le risorse, i programmi saranno in grado di ridurre le duplicazioni e rendere la ricerca più efficiente. I vari paesi hanno aderito ai programmi su base esclusivamente volontaria; il ruolo della Commissione europea è quello di facilitare e coordinare le attività.

Al centro del primo meccanismo di programmazione congiunta ci sono l’Alzheimer e altre malattie neurodegenerative. Già 24 paesi europei hanno sottoscritto all’iniziativa. Per curare le malattie neurodegenerative i servizi sanitari europei spendono già circa 72 miliardi di euro all’anno. Esistono pochi trattamenti per queste patologie e quelli disponibili tendono a trattare i sintomi piuttosto che la causa sottostante. Molte di queste malattie sono legate all’età, e la percentuale della popolazione europea di età superiore ai 65 anni è destinata ad aumentare al 25% entro il 2030 (dal 16% di oggi). L’incidenza di queste patologie, così come i costi sociali e finanziari per trattarle, sono dunque destinati ad aumentare nei prossimi anni.

L’obiettivo del JPND è quello di migliorare rapidamente la nostra comprensione delle cause delle malattie neurodegenerative. Oltre a fornire ai medici gli strumenti per diagnosticare e trattare queste malattie sin dalla fase precoce, il JPND dovrebbe anche portare ad un migliore sistema di assistenza sanitaria e sociale sia per i pazienti che per chi si prende cura di loro.

Il consiglio di amministrazione del JPND è già attivo e il consiglio consultivo scientifico, composto da 15 esperti della ricerca di base, clinica e sociale/sanitaria, si riunirà per la prima volta a Stoccolma.

Oltre ad avviare i lavori per la preparazione di programmi di ricerca a breve, medio e lungo termine, il consiglio consultivo scientifico eleggerà un presidente e vice-presidente nella capitale svedese. Il presidente del consiglio di amministrazione, il professor Philippe Amouyel dell’ospedale universitario di Lille, in Francia, si augura che i suoi colleghi del consiglio consultivo scientifico presenteranno una serie di temi principali entro la fine del 2010. Il programma di ricerca completo dovrebbe essere pronto nel 2011.

Il professor Amouyel si attende che il programma si presenti come un menu: i paesi che partecipano al JPND sceglieranno i temi di loro interesse e decideranno sul modo migliore di coordinare le loro attività in tale settore. “Una volta definita e scelta una priorità, la prima cosa da fare è verificare ciò che già esiste”, ha detto il professor Amouyel al Notiziario CORDIS.

In alcuni casi le iniziative esistenti potrebbero essere collegate, mentre altri argomenti potrebbero richiedere la creazione di nuove iniziative. Potrebbero essere lanciati inviti a presentare proposte comuni, e il professor Amouyel ritiene che alcuni paesi potrebbero essere disposti a finanziare i ricercatori di altri paesi. “Tutto è aperto e possibile”, ha detto.

“Il successo sta nella visione condivisa che unire le conoscenze, le infrastrutture, le richieste di finanziamenti, noché creare una massa critica coerente e approcci multidisciplinari, potranno produrre i migliori obiettivi e le migliori risposte scientifiche”, ha aggiunto. “In questo modo si ottimizzeranno gli investimenti nella ricerca sulle malattie neurodegenerative in tutta Europa”.

“Grazie a questo programma congiunto, i migliori ricercatori medici europei lavoreranno insieme e uniranno le risorse per aiutare i milioni di pazienti che soffrono di Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative”, ha commentato il commissario europeo per la Ricerca, l’innovazione e la scienza Máire Geoghegan-Quinn.

“Rendendo la ricerca più efficiente e evitando la duplicazione del lavoro, il programma congiunto aumenterà le prospettive di un reale progresso nella prevenzione e nella cura di queste malattie. Gli insegnamenti tratti da questo programma congiunto saranno poi utilizzati per fornire informazioni ad altri settori di ricerca”.

Il JPND è visto come una sorta di progetto pilota per la programmazione congiunta. Sono già in cantiere anche altri meccanismi e il professor Amouyel ha spiegato che lui e la sua squadra erano già in contatto con persone impegnate in altri meccanismi di programmazione congiunta. “Stiamo già trasferendo informazioni sulle modalità lavorative, organizzandoci e individuando gli argomenti”, ha fatto sapere.

Per maggiori informazioni, visitare:

Programma congiunto per le malattie neurodegenerative (JPND):
http://www.neurodegenerationresearch.eu/

Per informazioni sulle varie iniziative del SER, consultare:
http://ec.europa.eu/research/era/specific-era-initiatives_en.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: