Scoperto un virus che mangia..vi…

Grazie alla sua azione a …

Nuovi biomarcatori per una diagn…

[caption id="attachment_7…

USA: malattia rara e letale dei …

[caption id="attachment_8…

Tumori: Sicilia e INFN per macch…

[caption id="attachment_8…

Farmaci al domicilio del pazient…

Posizione comune di FOFI …

Contro i tremori, nuova terapia …

Una terapia con onde sono…

Storie di uomini e batteri: l'in…

La composizione e la funz…

Cancro al pancreas: test rapido …

[caption id="attachment_5…

Cancro al Pancreas: in GB al via…

Un trial per il vaccino c…

Carenza di vitamina D, potrebbe …

La carenza di vitamina D …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

33° Congresso Nazionale della LICE – Correlazioni tra epilessia ed emicrania

Mantova, 25 maggio 2010 – Si aprirà domani a Mantova, presso Villa Corte Peron, il 33° Congresso Nazionale della LICE – Lega Italiana Contro l’Epilessia, presieduto dal Dottor Giuseppe Capovilla segretario della LICE e Direttore della struttura di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza del Centro Regionale per l’Epilessia presso l’Ospedale Carlo Poma di Mantova.
Circa 600 specialisti fra neurologi, neurofisiologi, neuropsichiatri infantili, pediatri, genetisti, neuropsicologi, neuroradiologi e psicologi provenienti da tutta Italia, si incontreranno per affrontare numerosi temi di grande attualità scientifica, tra cui la classificazione delle sindromi Epilettiche e i rapporti dell’epilessia con altre patologie che coinvolgono il Sistema Nervoso Centrale e che possono causare manifestazioni simili a quelle delle crisi epilettiche. I lavori del congresso proseguiranno fino al 29 maggio con il contributo di relatori italiani e stranieri, tra cui il Presidente dell’ILAE (International League Against Epilepsy-Lega Internazionale contro l’Epilessia) Solomon L. Moshe.

Il Congresso
In Italia, quasi una persona su 100 è colpita da epilessia: si stima infatti che nel nostro Paese, l’epilessia interessi circa 500.000 persone, con 30.000 nuovi casi l’anno. Nonostante sia riconosciuta come malattia sociale, l’epilessia non ha ancora ricevuto la giusta attenzione a livello sociale e istituzionale.
L’Epilessia
“Giunto ormai alla sua 33° edizione, il Congresso rappresenta un momento fondamentale di confronto tra esperti per lo studio di questa patologia le cui cause si vanno via via sempre più conoscendo – ha dichiarato Giuseppe Capovilla”
Dottor
Capovilla
Il congresso prenderà il via con un approfondimento delle attuali classificazioni internazionali delle crisi e delle sindromi epilettiche, partendo dallo storico, e affrontando anche i temi ad esse collegati come il concetto di benignità dell’epilessia, delle sue origini genetiche e delle sindromi più recentemente riconosciute.
Durante la seconda giornata saranno messe a confronto le attuali esperienze italiane epilettologiche in ambito clinico, neurofisiologico, farmacologico sperimentale e chirurgico.
Il programma
Infine, l’ultima giornata prevede un corso di aggiornamento, “Emicrania ed Epilessia: convergenze e divergenze” che nasce dall’esigenza di definire in modo più approfondito il rapporto tra le due patologie. La cefalea può seguire spesso una crisi epilettica o può far parte di una delle manifestazioni iniziali della crisi stessa. Tra le cefalee, l’emicrania, ed in particolare l’emicrania con aura, preceduta cioè da sintomi transitori rappresentati da disturbi visivi, della sensibilità e della parola, presenta una stretta correlazione con l’epilessia.
Epilessia ed emicrania: il corso
“Questo tema di studio che da molti anni si trova al centro del dibattito  scientifico, oggi arricchito da nuove conoscenze scientifiche, ha spinto la LICE ad istituire un gruppo di studio impegnato nell’analisi di quelle condizioni cliniche in cui emicrania ed epilessia possono presentarsi in stretta relazione temporale – ha dichiarato il Prof. Francesco Paladin responsabile del corso insieme ai Proff. Eleonora Palma e Pierangelo Veggiotti – e oggi, grazie, agli incredibili progressi della biologia molecolare e della genetica, si stanno ottenendo interessanti sviluppi clinici in merito alla relazione tra le due patologie”.
Professor
Paladin
La prevalenza di emicrania nei pazienti affetti da epilessia è notevolmente elevata rispetto a quella della popolazione generale: da uno studio americano è emerso, infatti, che il 23% dei pazienti epilettici soffre di emicrania rispetto al 5-10% della popolazione generale.1 Allo stesso modo, la prevalenza media dell’epilessia nei pazienti affetti da emicrania risulta pari al 5,9%, superiore quindi a quella della popolazione generale che equivale all’1%.2
Ad oggi, quindi, tra le due patologie si intravede una possibile patogenesi comune di ipereccitabilità neuronale causata da disfunzioni presenti all’interno del sistema nervoso centrale.
Le due patologie anche se con strette correlazioni patogenetiche, nella pratica clinica vengono considerate separatamente: compito del medico specialista, quindi, sarà quello  di focalizzare gli aspetti utili ad una diagnosi differenziale tra epilessia ed emicrania.
Inoltre, la genetica sta offrendo nuove conoscenze sulle mutazioni di geni che potrebbero essere la causa comune dell’ipereccitabilità delle membrane cerebrali in entrambe le patologie. Come verrà infatti esposto dalla Dottoressa Pietrobon durante questo corso di aggiornamento, una rara forma di emicrania con aura, geneticamente correlata a mutazioni di geni ormai noti, è clinicamente associata a crisi epilettiche.
L’ultima sessione del corso di aggiornamento si concentrerà sia sull’età evolutiva sia sul rapporto di epilessia ed emicrania con il sonno.
Epilessia ed emicrania: i dati
La LICE è una società scientifica senza scopo di lucro a cui appartengono numerosi specialisti e che ha come obiettivo principale quello di contribuire alla cura e all’assistenza dei pazienti con epilessia nonchè al loro inserimento nella società promuovendo e attuando ogni utile iniziativa per il conseguimento di tali finalità.
la LICE
Per maggiori dettagli, consulta il sito Internet: www.lice.it
1)      Lipton RB, Stewart WF, Diamond S et al 2001 Prevalence and burden of migraine in the United States: data from the American Migraine Study II. Headache 41:646-657
2)      Andermann F (1987) Migraine-epilepsy relationship. Epilepsy Res 1:213-226

Mantova, 25 maggio 2010 – Si aprirà domani a Mantova, presso Villa Corte Peron, il 33° Congresso Nazionale della LICE – Lega Italiana Contro l’Epilessia, presieduto dal Dottor Giuseppe Capovilla segretario della LICE e Direttore della struttura di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza del Centro Regionale per l’Epilessia presso l’Ospedale Carlo Poma di Mantova.  Circa 600 specialisti fra neurologi, neurofisiologi, neuropsichiatri infantili, pediatri, genetisti, neuropsicologi, neuroradiologi e psicologi provenienti da tutta Italia, si incontreranno per affrontare numerosi temi di grande attualità scientifica, tra cui la classificazione delle sindromi Epilettiche e i rapporti dell’epilessia con altre patologie che coinvolgono il Sistema Nervoso Centrale e che possono causare manifestazioni simili a quelle delle crisi epilettiche. I lavori del congresso proseguiranno fino al 29 maggio con il contributo di relatori italiani e stranieri, tra cui il Presidente dell’ILAE (International League Against Epilepsy-Lega Internazionale contro l’Epilessia) Solomon L. Moshe.Il CongressoIn Italia, quasi una persona su 100 è colpita da epilessia: si stima infatti che nel nostro Paese, l’epilessia interessi circa 500.000 persone, con 30.000 nuovi casi l’anno. Nonostante sia riconosciuta come malattia sociale, l’epilessia non ha ancora ricevuto la giusta attenzione a livello sociale e istituzionale. L’Epilessia“Giunto ormai alla sua 33° edizione, il Congresso rappresenta un momento fondamentale di confronto tra esperti per lo studio di questa patologia le cui cause si vanno via via sempre più conoscendo – ha dichiarato Giuseppe Capovilla” DottorCapovilla Il congresso prenderà il via con un approfondimento delle attuali classificazioni internazionali delle crisi e delle sindromi epilettiche, partendo dallo storico, e affrontando anche i temi ad esse collegati come il concetto di benignità dell’epilessia, delle sue origini genetiche e delle sindromi più recentemente riconosciute.                                                                                    Durante la seconda giornata saranno messe a confronto le attuali esperienze italiane epilettologiche in ambito clinico, neurofisiologico, farmacologico sperimentale e chirurgico. Il programma Infine, l’ultima giornata prevede un corso di aggiornamento, “Emicrania ed Epilessia: convergenze e divergenze” che nasce dall’esigenza di definire in modo più approfondito il rapporto tra le due patologie. La cefalea può seguire spesso una crisi epilettica o può far parte di una delle manifestazioni iniziali della crisi stessa. Tra le cefalee, l’emicrania, ed in particolare l’emicrania con aura, preceduta cioè da sintomi transitori rappresentati da disturbi visivi, della sensibilità e della parola, presenta una stretta correlazione con l’epilessia. Epilessia ed emicrania: il corso “Questo tema di studio che da molti anni si trova al centro del dibattito  scientifico, oggi arricchito da nuove conoscenze scientifiche, ha spinto la LICE ad istituire un gruppo di studio impegnato nell’analisi di quelle condizioni cliniche in cui emicrania ed epilessia possono presentarsi in stretta relazione temporale – ha dichiarato il Prof. Francesco Paladin responsabile del corso insieme ai Proff. Eleonora Palma e Pierangelo Veggiotti – e oggi, grazie, agli incredibili progressi della biologia molecolare e della genetica, si stanno ottenendo interessanti sviluppi clinici in merito alla relazione tra le due patologie”. ProfessorPaladin La prevalenza di emicrania nei pazienti affetti da epilessia è notevolmente elevata rispetto a quella della popolazione generale: da uno studio americano è emerso, infatti, che il 23% dei pazienti epilettici soffre di emicrania rispetto al 5-10% della popolazione generale.1 Allo stesso modo, la prevalenza media dell’epilessia nei pazienti affetti da emicrania risulta pari al 5,9%, superiore quindi a quella della popolazione generale che equivale all’1%.2 Ad oggi, quindi, tra le due patologie si intravede una possibile patogenesi comune di ipereccitabilità neuronale causata da disfunzioni presenti all’interno del sistema nervoso centrale.Le due patologie anche se con strette correlazioni patogenetiche, nella pratica clinica vengono considerate separatamente: compito del medico specialista, quindi, sarà quello  di focalizzare gli aspetti utili ad una diagnosi differenziale tra epilessia ed emicrania.Inoltre, la genetica sta offrendo nuove conoscenze sulle mutazioni di geni che potrebbero essere la causa comune dell’ipereccitabilità delle membrane cerebrali in entrambe le patologie. Come verrà infatti esposto dalla Dottoressa Pietrobon durante questo corso di aggiornamento, una rara forma di emicrania con aura, geneticamente correlata a mutazioni di geni ormai noti, è clinicamente associata a crisi epilettiche.L’ultima sessione del corso di aggiornamento si concentrerà sia sull’età evolutiva sia sul rapporto di epilessia ed emicrania con il sonno.Epilessia ed emicrania: i dati                   La LICE è una società scientifica senza scopo di lucro a cui appartengono numerosi specialisti e che ha come obiettivo principale quello di contribuire alla cura e all’assistenza dei pazienti con epilessia nonchè al loro inserimento nella società promuovendo e attuando ogni utile iniziativa per il conseguimento di tali finalità.
la LICE
Per maggiori dettagli, consulta il sito Internet: www.lice.it

1)      Lipton RB, Stewart WF, Diamond S et al 2001 Prevalence and burden of migraine in the United States: data from the American Migraine Study II. Headache 41:646-6572)      Andermann F (1987) Migraine-epilepsy relationship. Epilepsy Res 1:213-226

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!