Malattie uomo-donna: differenze …

ROMA - L'ansia e la depre…

E’ nata WAIDID, l'Associazione M…

il debutto al Summit di…

Misurazioni cerebrali: ricercato…

I ricercatori in Finlandi…

Il processo di generazione di nu…

[caption id="attachment_2…

Abiraterone acetato: aumenta sig…

[caption id="attachme…

Ottenuta albumina umana da chicc…

Un team di ricercatori ci…

Calcoli alla colecisti, un probl…

Calcoli alla colecisti, u…

Nelle insuline ‘con il cervello’…

Le ultime ricerche vann…

Cancro al fegato: vaccino vaiolo…

- Un farmaco ottenuto d…

Presbiopia: si può curare col la…

Mantenere giovane la vist…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Epatiti: emergenza sommersa in Italia

In Italia vivono circa 2 milioni di persone con infezione cronica da virus dell’epatite B e dell’epatite C. Nonostante le epatiti virali rappresentino un grave problema medico-sociale e provochino circa 10.000 decessi ogni anno (oltre 25 morti al giorno, nel complesso 50 volte quelli causati dall’AIDS), le loro implicazioni a livello di salute pubblica sono ancora sottovalutate.
L’appello dei pazienti e del mondo scientifico lanciato nel corso del Convegno “Epatiti Summit 2010 – Un’emergenza sommersa: opinioni e strategie a confronto”, svoltosi oggi al Senato, in occasione della Giornata Mondiale delle Epatiti, che si celebra ogni anno il 19 maggio.
Roma, 18 maggio 2010 – Riconoscimento delle epatiti da virus HBV (epatite B) e HCV (epatite C) come problema di salute pubblica e loro inserimento nei progetti previsti dal Piano Nazionale della Prevenzione e nei programmi del CCM (Centro di Controllo delle Malattie) del Ministero della Salute. Stanziamento, quindi, di risorse mirate a rafforzare le attività di prevenzione, come vigilanza sulle strutture che praticano piercing e tatuaggi, offerta di vaccinazione anti-epatite B agli immigrati provenienti da Paesi a rischio (Est europeo, Russia, Cina, bacino Sud Mediterraneo), ai conviventi di portatori del virus B, a tossicodipendenti e detenuti; promuovere la diagnosi precoce nelle persone a rischio di essere state infettate; creare registri di notifica sulle nuove diagnosi e la mortalità da epatiti virali croniche; incentivare ricerca e formazione continua indipendenti; sostenere le associazioni di volontariato che aiutano pazienti e familiari.

Queste, in sintesi, le richieste formulate nel corso del Convegno “Epatiti Summit 2010 – Un’emergenza sommersa: opinioni e strategie a confronto”, organizzato al Senato in occasione della Giornata Mondiale delle Epatiti da associazioni di pazienti e mondo scientifico: EpaC Associazione Onlus di pazienti epatopatici, Associazione Italiana Gastroenterologi & Endoscopisti Digestivi Ospedalieri (AIGO), Associazione Italiana per lo Studio del Fegato (AISF), Società Italiana di Gastroenterologia (SIGE), Società Interdisciplinare per lo Studio delle Malattie Sessualmente Trasmissibili (SIMaST), Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali (SIMIT), Società Italiana di Medicina Generale (SIMG).
“Le epatiti B e C costituiscono una vera e propria ‘emergenza sommersa’, con un forte impatto di salute pubblica, e necessitano di essere scoperte per tempo, per poterle affrontare e tenere sotto controllo”, ha sottolineato Giampiero Carosi, Direttore dell’Istituto di Malattie Infettive e Tropicali all’Università di Brescia e Presidente SIMaST. “La strada è quella di identificare i portatori del virus attraverso lo screening delle persone ad alto rischio di infezione, promuovendo nel contempo adeguati interventi di informazione e di sensibilizzazione della popolazione”, ha proseguito. “Per questo è necessario un forte impegno congiunto da parte di Istituzioni, mondo scientifico, associazioni di volontariato”, ha aggiunto Carosi.
Si stima che in Italia vivano circa 2 milioni di persone con infezione cronica da virus epatitici HBV e HCV.  “Circa 600.000 sarebbero i portatori del virus dell’epatite B e 1.600.000 quelli del virus dell’epatite C”, ha ricordato Alfonso Mele, Direttore del Reparto di Epidemiologia Clinica e Linee Guida, dell’Istituto Superiore di Sanità.
La maggior parte di queste persone non sa di aver contratto l’infezione, dal momento che le epatiti virali croniche rimangono spesso silenti per lunghi anni. Tuttavia, una parte dei portatori manifesta la malattia sotto forma di cirrosi epatica – “230.000 sono i casi in Italia nell’infezione da HCV e 100.000 nella HBV”, ha detto ancora Mele – scompenso e tumore del fegato, che si traducono in circa 10.000 decessi ogni anno.
Una profonda analisi del problema è stata realizzata nel Documento di Indirizzo “Epatiti: un’emergenza sommersa”, nato dalla collaborazione tra tutte le organizzazioni promotrici del Convegno, con l’obiettivo di suscitare nella popolazione, nella classe medica e nell’Autorità sanitaria la coscienza di un problema generalmente trascurato.
L’elaborato è stato presentato a nome del gruppo di lavoro da Mario Rizzetto, Direttore della Divisione di Gastroepatologia all’Ospedale Molinette di Torino. “Il documento – ha spiegato Rizzetto – è nato dall’esigenza di fare luce sugli aspetti più critici della prevenzione e della gestione delle infezioni da HBV e HCV, al fine di identificare gli strumenti per correggere e migliorare il controllo di quello che è un vero e proprio problema ad elevato impatto, che tuttavia ha sinora ricevuto scarsa attenzione nei piani di politica sanitaria e di supporto alla ricerca scientifica. La lotta a malattie infettive meno rilevanti da un punto di vista numerico, ma di grande effetto emotivo e mediatico come l’AIDS, che provoca in Italia circa 200 decessi l’anno a fronte dei circa 10.000 attribuibili alle epatiti, può contare su un dispiegamento di forze decisamente più imponente”, ha concluso.
Le epatiti virali B e C rappresentano non solo un problema di ordine clinico-medico, o di sanità pubblica, ma “un devastante problema sociale con un serio impatto sul rapporto quotidiano della persona che si scopre positiva con il mondo che la circonda”, ha testimoniato Ivan Gardini, Presidente dell’Associazione dei pazienti epatopatici EpaC. “Paure, ansie, sensi di colpa, la consapevolezza di convivere con un qualche cosa di potenzialmente pericoloso per sé e per gli altri, spesso dominano la vita dei malati e dei loro familiari, con un evidente peggioramento della sua qualità, sotto tutti i punti di vista”, ha aggiunto. E ha concluso: “Non a caso, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha messo a punto una risoluzione discussa proprio in questi giorni finalizzata al riconoscimento delle epatiti come una priorità sanitaria globale e a uniformare gli sforzi per sconfiggerla, determinando sostanziali cambiamenti nelle politiche di prevenzione e informazione adottate dai Governi dei singoli Stati.”
“La qualità di vita delle persone con epatite B e C è inferiore alla norma della popolazione”, ha spiegato Lorenzo Mantovani, Farmacoeconomista del CIRFF, Università Federico II di Napoli. “Quando le epatiti B e C vengono individuate e gestite correttamente, la qualità di vita dei pazienti è comunque assimilabile a quella delle altre malattie croniche. Peggiora invece sensibilmente, quando evolve in cirrosi epatica: in questo stadio, le cure sono spesso inefficaci e l’unica soluzione può essere il trapianto di fegato, che comunque può essere eseguito solo in una piccola parte di malati”, ha dichiarato. “Le terapie efficaci nel prevenire le conseguenze delle epatiti hanno, peraltro, un profilo di costo-efficacia molto favorevole”, ha concluso Mantovani.

Scarica la locandina: Summit_Epatiti

Per ulteriori informazioni:
Diego Freri – Segretario Scientifico Epatiti Summit 2010
cell. 335 8378332, e-mail: diego.freri@hcc-milano.com

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!