Malattie uomo-donna: differenze …

ROMA - L'ansia e la depre…

E’ nata WAIDID, l'Associazione M…

il debutto al Summit di…

Misurazioni cerebrali: ricercato…

I ricercatori in Finlandi…

Il processo di generazione di nu…

[caption id="attachment_2…

Abiraterone acetato: aumenta sig…

[caption id="attachme…

Ottenuta albumina umana da chicc…

Un team di ricercatori ci…

Calcoli alla colecisti, un probl…

Calcoli alla colecisti, u…

Nelle insuline ‘con il cervello’…

Le ultime ricerche vann…

Cancro al fegato: vaccino vaiolo…

- Un farmaco ottenuto d…

Presbiopia: si può curare col la…

Mantenere giovane la vist…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Le prove scientifiche di un trasferimento genico nel mondo vegetale

Un gene passato da una pianta al proprio parassita: questa la scoperta di un gruppo dell’Istituto di ricerca Riken (Giappone) e dell’Università di Tokio. Lo studio, pubblicato su Science, riferisce per la prima volta di prove empiriche del trasferimento di geni tra piante, sostenendo l’ipotesi di un altro meccanismo di evoluzione nel mondo vegetale.

Il trasferimento di materiale genetico tra specie diverse (tecnicamente chiamato trasferimento genico orizzontale) è un meccanismo evolutivo potente e affascinante perché consente alla specie ricevente di “acquisire” una funzione da un’altra specie e quindi di evolvere e adattarsi rapidamente a nuove condizioni ambientali. Sebbene sia un meccanismo molto comune nel mondo dei batteri, fino ad ora il trasferimento di geni tra piante era stato solamente ipotizzato.

Per indagare l’avvenuto scambio di materiale genico tra piante di specie diverse, il gruppo di ricerca giapponese si è focalizzato sulla pianta parassita Striga hermonthica, un’erba infestante della famiglia delle orobancacee che danneggia unicamente le piantagioni di graminacee, in particolare di sorgo e riso. Analizzando i 17.000 geni di S. hermonthica è emerso che uno di essi, Contig9483, non è presente nelle altre orobancacee, mentre fa parte del genoma delle graminacee. Per comprendere l’origine del gene, il gruppo di ricerca ha quindi comparato la sequenza di 448 amminoacidi della proteina di S. hermonthica con quella delle specie parassitate, osservando una forte somiglianza con il gene presente nel genoma del sorgo.

Secondo gli autori, queste osservazioni suggeriscono chiaramente che, in un passato recente, un gene del sorgo è stato integrato nel DNA del suo parassita. Per i ricercatori, si tratta di una prova evidente di come il trasferimento genico orizzontale possa rappresentare un meccanismo di evoluzione delle piante.

Riferimento: DOI: 10.1126/science.1187145

Galileonet.it

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!