AIDS: si studia nuovo vaccino ch…

Hanno esaminato il modo i…

Terza età e vita sessuale: più a…

In pochi riescono a pensa…

Corsi di Make Up anti cancro: pe…

Il cancro della cervice u…

Diabete: la firma genetica alla …

Dalla ricerca sulle malat…

HIV: bastera' amplificare arma s…

[caption id="attachment_1…

#Tumori: gli esperti puntano sui…

I nanofarmaci hanno migli…

Alzheimer e sindrome di Down: pr…

[caption id="attachment_7…

Malattie autoimmuni: scoperto nu…

Scoperto un nuovo approcc…

L'uomo, la fertilità, ed il suo …

Anche gli uomini hanno un…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Scritta la mappa genetica del cancro ai polmoni

Scritta la mappa genetica del cancro ai polmoni di tipo piu’ comune, quelo cosiddetto ‘non a piccole cellule’: la mappa, che comprende un totale di 50 mila mutazioni, appartiene a un paziente di 51 anni e fumatore accanito.
Annunciata sulla rivista Nature, la mappa genetica del cancro e’ stata disegnata dall’equipe di Zemin Zhang del Genentech Inc., a San Francisco.

La mappa descrive virtualmente la ”storia genetica” della comparsa del cancro, mutazione dopo mutazione, ed e’ basata sul confronto dell’intero genoma di cellule tumorali del paziente con il suo Dna sano preso da cellule sane nei tessuti circostanti il tumore.

Non si tratta della prima mappa genomica del cancro ai polmoni perche’ quella dell’adenocarcinoma polmonare era stata pubblicata sempre su Nature da Matthew Meyerson dell’istituto di ricerca the Broad Institute del MIT e della universita’ di Harvard a Boston, nell’ambito del progetto ‘Tumor Sequencing Project’.

Scrivere le mappe del DNA del cancro aiuta a trovare le mutazioni coinvolte nella genesi della malattia. In questo modo, ipoteticamente, si possono individuare nuovi bersagli terapeutici e anche personalizzare le cure.

L’azienda Usa ha sequenziato l’intero genoma delle cellule malate del paziente e lo ha confrontato col Dna sano dell’uomo, preso da cellule sane limitrofe al tumore. Cosi’ sono state individuate ben 50 mila mutazioni di cui 392 riguardanti dei geni. Con un quadro genetico cosi’ complesso, cosi’ tante mutazioni alcune delle quali sono probabilmente ridondanti, cioe’ contribuiscono alla malattia con modalita’ che si sovrappongono l’un l’altra, e’ chiaro che il quadro clinico del paziente e quindi la cura diventano piu’ complessi, rispetto a quello di un malato la cui neoplasia sia riconducibile solo a poche ma importanti mutazioni.(ANSA).

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi