Campagna invito donazione cordon…

Ancora 48 mila unità di s…

Chirurgia: protesi "a fiore" per…

Da oggi l'ernia guarisce …

[Cordis]Nuova tecnica per osserv…

I ricercatori devono esse…

La proteina PYM, esempio di rici…

[caption id="attachme…

Epatite B: arriva "Path B" perco…

Un viaggio in sei tappe p…

Ictus precoci possono causare di…

Gli ictus particolarment…

Dolore cronico per 6 casalinghe …

Sensibilizzare le donne s…

Fondazione Cesare Serono accende…

La nuova sezione del…

Crollano i ricoveri per le compl…

Invariato invece il tas…

Tumori polmonari: il CNR identif…

Confermato il ruolo del g…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Le strategie infettive del Trypanosoma

Trypanosoma bruciei

I tripanosomi sono parassiti responsabili di molte patologie umane e animali, soprattutto in condizioni di clima tropicale. Una di queste, la malattia del sonno o tripanosomiasi africana, è il prodotto della puntura della mosca Tzé tzé, che minaccia circa 60 milioni di africani in 36 paesi Sub Sahariani con effetti spesso letali: la recente epidemia del 1998-2001 in Sudan, Angola, Repubblica Democratica del Congo e Uganda ha ucciso decine di migliaia di persone.

Ora un gruppo di ricercatori dell’ Università della Georgia e di quella di Glasgow guidati da Stephen Hajduk e Annette Macleod, che firmano un articolo in proposito sui Proceedings of the National Academy of Sciences, ha mostrato in che modo una specie di questi parassiti riesca a eludere le difese immunitarie dell’ospite umano.

Queste ultime infatti agiscono contro la maggior parte dei tripanosomi africani grazie alla mediazione dei TLF-1 (trypanosome lytic factor-1), una sottoclasse delle lipoproteine ad alta densità (HDL), che costituiscono il ben noto colesterolo buono.

I TLF-1 coinvolti solo sono l’apolipoproteina L-1 e la proteina aptoglobina-correlata, che agiscono in modo sinergico, nell’ambiente lipidico della particella HDL, formando una tossina specifica e altamente attiva contro i tripanosomi che infettano i mammiferi non-primati. Nonostante tale efficacia contro alcuni tripanosomi africani, la tossina è del tutto inoffensiva nei confronti dei parassiti umani.

Grazie a studi recenti, si è dimostrato che il parassita che nell’uomo causa la patologia acuta a insorgenza rapida, T. b. rhodensiense, ha evoluto un inibitore del TLF-1 denominato proteina SRA (Serum Resistance Associated). Un’altra specie, T. b. gambiense, responsabile di una forma di patologia cronica a insorgenza lenta, è responsabile del 95 per cento delle morti umane causate da questo parassita.

Finora non si sapeva molto sulla resistenza al TLF-1 nella specie T. b. gambiense. Grazie alla loro ricerca, Hajduk e Macleod hanno dimostrano per la prima volta che essa è causata dalla riduzione dell’assorbimento del TLF-1 da parte del parassita.

“Gli esseri umani hanno evoluto il TLF-1 come tossina altamente specifica contro i tripanosomi africani che riesce a ‘farsi assorbire’ imitando un nutriente che il parassita ha bisogno per sopravvivere”, ha spiegato Hajduk. “Ma T. b. gambiense a sua volta ha evoluto una contromisura contro questi Cavalli di Troia semplicemente sbarrando la porta al TLF-1, che così non è in grado di entrare nella cellula, bloccando in modo efficace il sistema immunitario innato dell’essere umano e determinando infine la patologia”.

Il parassita paga un prezzo limitando l’assunzione di un nutriente, ma la strategia d’infezione funziona ugualmente. La conoscenza di come il parassita riesca a sopravvivere apre la strada all’individuazione di un bersaglio terapeutico che impedisca al parassita di sfuggire al sistema immunitario umano.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!