Il riconoscimento di sé, la cons…

Il riconoscimento di se s…

Ictus: un nuovo 'salvavita' potr…

Un nuovo aiuto contro l'i…

La contraccezione diventa 2.0

È online la Fan Page de…

Scompenso cardiaco: arriva una m…

Italia protagonista nella…

Smentita la "bufala" del batteri…

Anche Halomonas GFAJ-1, i…

Tè freddo, dissetante ed estivo,…

Fresco, dissetante, un pi…

Come un tumore diventa invasivo:…

[caption id="attachment_3…

"Scaccomatto al Dolore", Formaz…

Parte da Bologna il tour …

Resistenza agli antibiotici: il …

Alcuni scienziati in Svez…

Chemioterapia: psicofaramaco ha …

Uno psicofarmaco si e' ri…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ossitocina, l’ormone intelligente che ci rende ottimisti ma non stupidi

L’ormone che rende più socievoli non necessariamente rende più ingenui o facili prede d’impostori
Fiduciosi di tutto il mondo, ecco una bella notizia per voi: se lo siete a causa dell’ormone ossitocina, non vuole dire che siate degli ingenui, creduloni o degli illusi.
Se molti studi hanno associato un comportamento più aperto verso gli altri, maggiore fiducia nel prossimo, dovuto all’influenza del neurotrasmettitore ossitocina, questo non significa che la sua influenza ci renda più stupidi o ingenui. Anzi, secondo un nuovo studio, è vero il contrario.
Lo hanno scritto sulla rivista Psychological Science gli scienziati dell’Università Cattolica di Lovanio in Belgio, i quali hanno condotto uno studio su un gruppo di volontari.

I partecipanti, come di routine, sono stati suddivisi a caso in due gruppi. Agli appartenenti al primo gruppo è stato somministrato l’ormone per mezzo di uno spray nasale. Agli appartenenti il secondo gruppo, quello di controllo, è stato somministrato un placebo, sempre per mezzo dello spray.
Dopo questa prima fase, tutti i partecipanti sono stati coinvolti in una simulazione a computer di situazioni di vita in cui s’intendeva valutare se l’ossitocina modificava i livelli di generosità e fiducia nei confronti delle altre persone.
Nello specifico, la simulazione, comprendeva il dover condividere o dividere (o meno) una certa somma di denaro con un partner virtuale che appariva a seconda dei casi più o meno affidabili: ovvero erano stati programmati per ri-condividere o meno la somma di denaro con il partecipante, e questo lo si poteva intuire da alcuni loro atteggiamenti.
I risultati finali hanno mostrato che gli appartenenti al gruppo “ossitocina” si mostravano più propensi a condividere il proprio denaro con l’altro soggetto. Tuttavia, questa generosità si riduceva nei confronti del partner che si riteneva inaffidabile.
Al contrario, gli appartenenti al gruppo di controllo non si sono dimostrati così generosi e, soprattutto, accorti.
In conclusione, la dottoressa Moira Mikolajczak che ha condotto lo studio, ritiene che se l’ossitocina migliora i sentimenti di fiducia nel prossimo, non trasforma necessariamente la persona in un bamboccio ingenuo e che la sua influenza si limita a determinate situazioni.
In altre parole, l’ossitocina è un ormone intelligente e che, quasi quasi, ci fa pensare che sia perché è l’organismo umano a essere intelligente… qualcuno aveva dei dubbi a proposito?
La Stampa

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi