Da cellule adulte a staminali em…

[caption id="attachme…

Molecola per annientare masse tu…

Due studiosi di Urbino ha…

Tumori: virus Herpes simplex mod…

[caption id="attachment_8…

Istituto tumori: fumo nuoce alle…

Anche in spiaggia st…

Polmonite: diagnosi precoce salv…

Forse è sottovalutata com…

Lesioni midollo spinale: i globu…

[caption id="attachme…

AIDS: la FDA approva la prima pi…

La Food and Drug Administ…

Glioblastoma: studio del CNR spi…

È un tumore cerebrale che…

NienteMale Junior: formare i ped…

Con le tappe di Milano (1…

Terapie per la fertilità non min…

Le terapie per la fer…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ovuli anormali in eta’ avanzata: e’ il calo di una proteina

Il motivo per cui donne avanti con l’eta’ hanno spesso ovuli anormali sta in una proteina. Lo afferma uno studio dell’Universita’ di Newcastle pubblicato da Current Biology. Secondo i ricercatori inglesi, a provocare i problemi e’ il calo del livello della coesina, responsabile di una corretta divisione dei cromosomi per la fertilizzazione. La produzione di ovuli anormali puo’ dar luogo ad aborti, infertilita’ e sindrome di Down nel nascituro. Spermatozoi e cromosomi -spiegano i ricercatori- devono perdere uno dei due cromosomi per una corretta fertilizzazione e la coesina e’ necessaria ad assicurare una corretta divisione.

Studiando ovuli di topi giovani e anziani lo studio ha trovato un brusco calo nel livello di questa proteina; negli esemplari piu’ avanti nell’eta’ la divisione non procede correttamente e qualche ovulo mantiene anche frammenti del cromosoma che andrebbe perso. “Sappiamo che la salute riproduttiva diminuisce molto nelle donne dopo i 35 anni”, ha spiegato Mary Herbert, una delle autrici dello studio, “e i topi che abbiamo osservato avevano un’eta’ paragonabile ai 40 anni della donna. Se riusciremo a capire cosa provoca l’abbassamento del livello della coesina potremo cercare un metodo per ridurla, anche se il miglior metodo per avere figli sani rimane concepire quando si e’ piu’ giovani”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi