Tumori e fumo: ennesimo studio a…

- ''Due recenti articoli …

India: dodici mesi consecutivi s…

Poiché il virus della pol…

Accettata dall’Agenzia Europea d…

• L’accettazione della …

Riorganizzazione delle professio…

Senigallia (AN), 13 Genna…

Zucchero: contro obesità in GB s…

Il governo britannico gui…

DNA: Ecco come due metri di dopp…

[caption id="attachment…

Parkinsonismo grave curato con c…

E' italiano il primo stud…

Virus H1N1: cosa ha reso letale …

[caption id="attachment_1…

Dalla cataratta al glaucoma: Mil…

Glaucoma e diabete so…

Sigarette elettroniche: alcune r…

Alcune sigarette elettron…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Prostata: nuovo, efficace marcatore tumorale

MILANO, 25 OTT – Per la diagnosi precoce del tumore alla prostata non c’e’ piu’ solo il test che dosa il Psa, l’antigene prostatico specifico. Un nuovo studio del dipartimento di Urologia del San Raffaele di Milano in collaborazione con il Laboratorio di diagnostica e ricerca Laboraf ha dimostrato ”l’efficacia significativamente maggiore” del nuovo marker ‘2proPsa’ e dei suoi derivati (‘%p2Psa’ e ‘phi’).
Lo studio, presentato al congresso della Societa’ italiana di urologia (Siu), ha coinvolto circa 700 pazienti con sospetto tumore alla prostata o diagnosi accertata, e ha confermato che la molecola ‘2proPsa’ insieme ai suoi due valori derivati rappresenta un marcatore piu’ accurato rispetto al dosaggio di Psa totale e Psa libero nell’identificazione del cancro alla prostata. In particolare, nei pazienti con piu’ di 50 anni con Psa totale sospetto ma esplorazione rettale non sospetta, i parametri derivati sono risultati ”significativamente piu’ precisi del Psa totale e del Psa libero nell’identificazione dei pazienti realmente affetti da tumore prostatico o a rischio di svilupparlo”. Inoltre, i tre parametri (‘p2Psa’, ‘%p2Psa’ e ‘phi’) sembrano essere correlati all’aggressivita’ della neoplasia.

Per gli esperti il nuovo marker garantisce non solo una piu’ accurata identificazione del tumore, ma anche una migliore definizione dell’indice di aggressivita’ dello stesso. Questo potrebbe inoltre consentire, oltre alla diagnosi precoce e una maggiore personalizzazione della terapia a seconda delle caratteristiche del singolo paziente. Infine, la disponibilita’ di un marcatore piu’ accurato consentira’ di ridurre le biopsie inutili, circa il 60-70% di tutte quelle eseguite. (ANSA).

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!