Osteoporosi: vacanze 'di sole' a…

Le vacanze al sole contr…

Alzheimer: la proteina del "leta…

Gli scienziati allo studi…

Ultrabatteri: i ceppi resistenti…

Invulnerabili a quals…

Fibrosi Polmonare Idiopatica: nu…

• Nello studio clinico  T…

Alzheimer: la protezione dall'os…

Due studi diversi pubblic…

Abiraterone acetato: aumenta sig…

[caption id="attachme…

Nasce l’Associazione ‘Vivere sen…

La prima Associazione n…

Biosimilari: la polemica sulla s…

Come ricorda anche la rec…

Le mutazioni scrivono la storia …

Una nuova metodica di seq…

Sindromi di Down ed Edwards: cre…

Creato un test genetico n…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Vaccino antipolio via orale: non solo indolore, ma molto piu’ efficace

Un nuovo vaccino antipoliomielite più facile da somministrare perché dato per bocca ed efficace il 30% in più rispetto ai vaccini già conosciuti e utilizzati finora: è quanto emerge da uno studio realizzato da un gruppo internazionale di ricercatori guidati da Roland Sutter della World Health Organization di Ginevra (Svizzera) e pubblicato sulla rivista internazionale Lancet. Il nuovo vaccino antipolio orale, spiega Sutter, è capace di ridurre fino al 90% il numero di infezioni, “e potrebbe contribuire a eradicare definitivamente il virus”.

Gli autori dello studio hanno messo a confronto in India e in Nigeria i ‘vecchi’ vaccini con il nuovo, assunto per via orale. In totale, sono stati sottoposti all’esperimento 830 neonati.


I campioni di sangue sono stati prelevati prima e dopo la vaccinazione per misurare la sieroconversione – ovvero l’aumento degli anticorpi prodotti dal sistema immunitario contro la poliomielite: ed è emerso che il nuovo vaccino è risultato più efficace nel combattere l’insorgenza della patologia del 30% rispetto ai vaccini già utilizzati.

In India, spiegano i ricercatori, il numero di bambini contagiati in questo periodo dello scorso anno ammontava a 464: nello stesso periodo di quest’anno ci sono stati solo solo 39 casi. E in Nigeria si è assistito, nello stesso periodo, a una decurtazione dei casi del 95%: “Il calo drammatico nel numero di casi di polio in India e in Nigeria – conclude Sutter – è imputabile al nuovo vaccino e a una migliore copertura durante le campagne di immunizzazione”. (ASCA)

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x