Tumore al seno: un test genomico…

La diagnosi, già in uso i…

HIV: protocollo terapeutico in g…

La combinazione di farm…

Gruppo Ictus Emiplegia Onlus, la…

Tra i servizi, una linea …

Obesita’, una patologia ad alto …

Associazione di Iniziativ…

Melanoma: colpire l'angiogenesi …

Novita' importanti per co…

Alzheimer: ansiolitici e sonnife…

L’uso di ansiolitici e so…

La settimana Mondiale del Cervel…

“Neurologia e donna” uno …

Stress e rischio infarto: i cape…

[caption id="attachment_9…

Dieta mediterranea: scudo anti-d…

La dieta mediterranea rid…

Magnetoterapia pulsata per ridur…

MILANO - I calciatori son…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

HIV: si chiarisce una differenza tra virus nel liquido seminale e virus nel sangue

Lo studio sulla trasmissione dell’Hiv e su un possibile vaccino potrebbe incontrare un inedito ostacolo: c’è una differenza tra il virus nel sangue e quello che si trova nel liquido seminale. È la conclusione di uno studio condotto dai ricercatori della North Carolina University e pubblicato su PLoS Genetics. “Il virus Hiv-1 è presente in aree anatomiche e nei fluidi corporei”, scrivono i ricercatori, ma quello che si sviluppa nel tratto genitale potrebbe subire delle trasformazioni.

“In alcuni soggetti il virus presente nel liquido seminale è simile a quello presente nel sangue, suggerendo che il virus vi sia arrivato attraverso il sangue”, spiega Ronald Swanstrom, autore principale della ricerca. Non sempre è così: l’analisi della composizione molecolare del virus offre particolari nuovi, in alcuni casi svelando lo sviluppo differente. “Studiare queste differenze potrebbe offrirci una chiave per combatterlo”, commentano gli scienziati.

La maggior parte dei contagi avvengono attualmente attraverso i rapporti sessuali. Il confronto dell’RNA virale ha acceso la lampadina degli scienziati: “Sono possibili meccanismi multipli di sviluppo”, commentano i ricercatori, resi più complessi dalla stimolazione di citochine coinvolte nell’immunità localizzata nelle vie seminali con le chemochine, altre sostanze “sentinella” che chiamano a raccolta le cellule T contro l’infezione virale. (ASCA)

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!