All'insonnia è legata la mortali…

La persistente mancanza d…

Metodo Stamina: le basi su cui s…

Il metodo Stamina, messo …

Piede del diabetico: all'ICCSS M…

Diretto dal professor C…

HIV: bastera' amplificare arma s…

[caption id="attachment_1…

Tumori: nuove tecniche per non p…

Con le nuove procedure e'…

La quinta bambina al mondo nata …

Roma, 30 ottobre 2009 - F…

Epatite C: farmaco per eradicarl…

Un anno dopo l'approvazio…

Infarto: al San Raffaele si è sc…

[caption id="attachme…

Scienziati sequenziano il genoma…

[caption id="attachment_6…

Influenza A: ogni anno vaccino d…

-Il vaccino contro l'infl…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Le proteine legate a malattie cerebrali sono centotrenta

Centotrenta malattie cerebrali coinvolgono la PSD, la densità postsinaptica, l’insieme delle proteine contenute nelle sinapsi: la scoperta arriva da un gruppo di studiosi inglesi del Wellcome Trust Sanger Institute e dell’Università di Edimburgo guidati da Seth Grant che hanno messo in evidenza, per la prima volta, una correlazione tra diverse malattie cerebrali come epilessia, Alzheimer e Parkinson e un gruppo di proteine: “Abbiamo scoperto che oltre 130 malattie cerebrali coinvolgono la densità postsinaptica, molte più del previsto – dice il professor Grant -. Tra queste abbiamo trovato il morbo di Alzheimer, il morbo di Parkinson e altre patologie neurodegenerative, nonché epilessie e malattie infantili di sviluppo, comprese le forme di autismo e la disabilità di apprendimento”. Lo studio è stato pubblicato su Nature Neuroscience.

Grant e colleghi hanno estratto il PSD dalle sinapsi dei pazienti sottoposti a intervento chirurgico al cervello e hanno scoperto le loro componenti molecolari utilizzando la proteomica: sono quindi emerse 1.461 proteine, ognuna codificata da un gene diverso, nelle loro sinapsi. Ciò ha reso possibile, per la prima volta, identificare le basi molecolari delle malattie che colpiscono le sinapsi umane e fornire un nuovo modo di studiare l’evoluzione del cervello e del comportamento.

“Dato che malattie diverse coinvolgono lo stesso insieme di proteine – spiega Grant -, potremo essere in grado, in futuro, di sviluppare nuovi trattamenti validi per la cura di diverse malattie”. (ASCA)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi