Tessuto epatico ricreato artific…

[caption id="attachment_…

Test universitario USA migliora …

Una ricerca americana ha …

Sindrome di Meniere: nasce l'ass…

Crisi di vertigini con al…

Campagna rottamazione biberon al…

Fai la cosa giusta: al vi…

Dieta mediterranea: toccasana pe…

Altro che Viagra. Pesce, …

IPERTENSIONE: PREMIO INTERNAZION…

PRESTIGIOSO PREMIO DELLA …

Grazie a finanziamenti dall'UE p…

Alcuni ricercatori, parzi…

I batteri intestinali sintetizza…

Il cancro al colon-retto …

Considerati eccessivi e numerosi…

ORLANDO – Si muore sempre…

Selezione embrionale per preveni…

Sviluppato da un'équipe d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Epidemie di allergie su cui sta indagando MEDALL

Sei allergico ad alcuni alimenti? Hai delle eruzioni cutanee quando meno te lo aspetti? La polvere ti crea difficoltà di respirazione? Sappi comunque che non sei l’unico. La Federazione europea delle associazioni di pazienti affetti da allergie e malattie respiratorie(EFA) fa sapere che più di 80 milioni di persone in Europa soffrono di qualche forma di malattia allergica. Ma ciò che è particolarmente preoccupante è che questo numero è in crescita.

Alcuni ricercatori finanziati dall’UE sono impegnati in una ricerca per determinare perché le allergie si sono intensificate nel corso degli anni fino a diventare l’epidemia mondiale del XXI secolo. Il progetto MEDALL (“Mechanisms of the development of allergy”), finanziato attraverso il tema “Salute” del Settimo programma quadro (7° PQ) con 11,9 milioni di euro, indagherà sulle cause che sono alla base dell’epidemia di allergie, dando così una spinta enorme al nostro benessere nonché alla competitività e innovazione europee. Nel programma di MEDALL ci sono la prevenzione e il controllo migliore delle allergie.

Il progetto MEDALL, guidato dall’Institut national de la santé et de la recherche médicale (INSERM), in Francia, e dal Centro per la ricerca epidemiologica ambientale (CREAL), in Spagna, riunisce 23 partner accademici e industriali di 12 Stati membri (Belgio, Danimarca, Germania, Spagna, Francia, Italia, Paesi Bassi, Austria, Polonia, Finlandia, Svezia e Regno Unito) nonché Norvegia, Svizzera e Stati Uniti.

Come parte del loro progetto, il consorzio chiarirà le ragioni del crescente numero di casi di allergie (come ad esempio la rinite allergica, l’asma, la dermatite atopica e le allergie alimentari nei bambini). Gli esperti dovranno stabilire se e in che modo i fattori ambientali influenzano lo sviluppo delle allergie, e quindi dell’epidemia mondiale di allergie.

Per sostenere i loro sforzi i partner di MEDALL usano una vasta rete di coorti di nascita che comprende più di 42.000 bambini nati in Europa tra il 1992 e il 2007. Il team studierà questi ragazzi impiegando diversi approcci, che vanno dall’epidemiologia alla biologia dei sistemi.

MEDALL è un risultato del progetto GA2LEN (“Global allergy and asthma European network”), che ha lavorato per contenere l’onere di allergie e asma in tutta Europa. GA2LEN, che si è concluso lo scorso ottobre, ha ricevuto 14 milioni di euro a sostegno dell’area tematica “Qualità e sicurezza alimentare” del Sesto programma quadro (6° PQ).

“Mi auguro che i risultati di MEDALL apporteranno significativi benefici alla società, all’interazione umana e all’ambientale”, spiega Jean Bousquet di INSERM e dell’Università di Montpellier, che guida il progetto MEDALL. “L’obiettivo principale di MEDALL è quello di aumentare la nostra conoscenza e comprensione delle cause dell’asma e delle malattie allergiche. I risultati del programma contribuiranno a migliorare la qualità della vita delle persone che soffrono di allergia in tutta Europa, attraverso la diagnosi precoce, l’attuazione di strategie di prevenzione primaria e secondaria e lo sviluppo di nuovi trattamenti per i disturbi allergici economicamente validi.”

Riguardo al progetto, Josep M. Anto di CREAL ha commentato: “MEDALL raccoglie le migliori squadre di ricerca in tutta Europa, che lavoreranno insieme per combinare i dati ottenuti in coorti di nascita in corso, con la biologia dei sistemi, al fine di trovare approcci innovativi.”

Per-Åke Wecksell, membro del consiglio EFA, ha detto: “L’EFA è lieta di essere partner del progetto MEDALL. Si tratta di un’iniziativa importante che produrrà alcuni dei cambiamenti positivi per i quali l’EFA si batte: un aumento delle conoscenze sulle allergie, il miglioramento e l’integrazione delle pratiche di gestione delle allergie e lo sviluppo della prevenzione e della comprensione delle allergie in Europa.”

La riunione iniziale del progetto ha avuto luogo dal 24 al 26 gennaio a Barcellona, in Spagna.

Per maggiori informazioni, visitare:

Federazione europea delle associazioni di pazienti affetti da allergie e malattie respiratorie(EFA):
http://www.efanet.org/index.php

Institut national de la santé et de la recherche médicale (INSERM):
http://english.inserm.fr/

Scheda informativa del progetto MEDALL su CORDIS, fare clic:
qui

GA2LEN:
http://www.ga2len.net

Ricerca sulla salute nell’ambito del 7° PQ:
http://cordis.europa.eu/fp7/health/

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!