Tumori al seno: allo studio la r…

L'esposizione del feto al…

Rigenerazione tessuti cardiaci d…

Saranno consegnati a Ot…

Giornata Nazionale SLA: La Socie…

Roma, 15 settembre 2016 -…

Tic tac: l’evoluzione dell’orolo…

La rivista Genome Biolo…

Vista e udito non sempre sono si…

Le persone apparentem…

Le proteine del capside virale: …

Tumori: più che dai v…

Pediatria: ore di sonno insuffic…

I bambini che nel weekend…

Batteri che resistono all'arseni…

L'analisi comparativa del…

Sindrome post orgasmica: possibi…

Conosciuta con l'acronim…

Prosegue nel segno della continu…

 L’IRCCS milanese smentis…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sindrome post orgasmica: possibile allergia al ‘seme’

Conosciuta con l’acronimo di Pois, la sindrome post orgasmica colpisce i maschi con sintomi simil-influenzali – febbre, naso che cola e spossatezza, subito dopo l’eiaculazione. Secondo gli studiosi della Utrecht University guidati da Marcel Waldinger le cause risiedono in una forma allergica al proprio liquido seminale.

Per giungere a questa conclusione, i ricercatori olandesi hanno condotto due studi distinti provando che questa insolita allergia può essere trattata con l’ipersensibilizzazione, una terapia che viene realizzata somministrando proprio l’antigene che accende la reazione allergica in dosi crescenti.

“Questi risultati – spiega Waldinger – sono molto importanti, poiché tra l’altro contraddicono l’idea che la Pois sia causata da motivi psicologici”. Gli studiosi hanno analizzato 45 uomini olandesi ai quali era stata diagnosticata la sindrome. In un primo test, hanno potuto osservare che il malanno provocato dalla Pois non sopraggiungeva se il campione si masturbava senza eiaculare. Al contrario, i sintomi non si lasciavano attendere oltre i 5 minuti se gli uomini entravano in contatto con il liquido seminale. Inoltre, se il campione veniva sottoposto a un classico test allergico con sperma diluito, l’88% aveva delle immediate reazione allergiche sull’epidermide.
Nel secondo studio, sempre capitanato da Waldinger, gli studiosi della Ultrecht University hanno sottoposto a una terapia di iposensibilizzazione due volontari, iniettando liquido seminale diluito in minime quantità diverse volte, con un aumento progressivo del contenuto.
A distanza di 1 e 3 anni i sintomi della Pois sono diminuiti sensibilmente in entrambi i volontari sottoposti a terapia. “L’iposensibilizzazione è un processo molto lento ma ormai in uso per tutti i tipi di allergie – ricorda Waldinger – e può richiedere fino a 5 anni” per contrastare il problema che intende mettere ko. Alla luce dei primi risultati ottenuti, il team olandese ha avviato la terapia di iposensibilizzazione su molti altri pazienti alle prese con questa sindrome.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi