Diabete di tipo 2: con la dieta …

Il diabete di tipo 2, qu…

Linfomi gravi: la scoperta itali…

Uno studio italiano appen…

HIV: terapia di mantenimento in …

È in evoluzione la terapi…

[Santanews]Dialisi peritoneale: …

[caption id="attachment_6…

Herpes Labiale: potrebbe essere …

Il diffuso virus dell…

Identificato il gene della "feli…

Si chiama Maoa ed e' il g…

Le patologie ostruttive polmonar…

La malattia polmonare ost…

Istituto tumori: fumo nuoce alle…

Anche in spiaggia st…

Insufficienza mitralica: basta u…

[caption id="attachment_1…

Gilead (@gilead) Presenta I Dati…

– I risultati, che descri…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ipertensione: anche zuccheri responsabili

Anche gli zuccheri possono essere responsabili dell’aumento dei livelli della pressione arteriosa.

E’ quanto sostengono gli studiosi inglesi dell’Imperial College di Londra in un articolo pubblicato su Hypertension, la rivista dell’American Heart Association. Sul banco degli imputati ci sarebbe il consumo di glucosio e fruttosio, presenti nello sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio, uno dei dolcificanti piu’ usati per dolcificare le bevande a livello industriale. Dopo aver analizzato alimentazione e stile di vita di 2.696 soggetti statunitensi e britannici tra i 40 e i 59 anni monitorandone il consumo di zuccheri aggiunti, bevande dolcificate e bibite dietetiche, e dopo averli sottoposti a esami delle urine e alla misurazione della pressione arteriosa, gli studiosi hanno rilevato che i soggetti che quotidianamente bevono piu’ di una bevanda dolcificata hanno la pressione piu’ alta (1,6 millimetri di mercurio in piu’ per la massima e 0,8 per la minima).

”Per ridurre la pressione sanguigna – spiega Paul Elliott – e migliorare la salute di cuore e arterie si dovrebbe riuscire a contenere, oltre che l’assunzione di sodio, anche quella di bevande dolcificate e zuccheri aggiunti”. Per approfondimenti

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi