Stimolazione ovarica in età avan…

I farmaci per la stimolaz…

Le uova a protezione degli occhi

Sembra strano ma sembr…

Miopia: scoperta la variante gen…

[caption id="attachment_9…

Un bio-gel per la rigenerazione …

[caption id="attachme…

HIV: un topo con le stesse carat…

Si prospetta una vera riv…

Feto calcificato per 36 anni nel…

Un feto rimasto per 36 an…

Cancro ai polmoni: confutata la …

Esiste una connessio…

Schizofrenia e declino cognitivo…

La schizofrenia e il dec…

Mammografia: meglio se effettuat…

Prosegue il dibattito a c…

Allergia alle noccioline: in USA…

Sono iniziate in Europa …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Nanotubi di carbonio esaminano sangue, scovano cellule cancerose

Roma, 30 mar – Un dispositivo a base di nanotubi regolabili in grado di esaminare il sangue e rilevare l’eventuale presenza di cellule cancerogene circolanti – scoprendo in anticipo il processo di metastatizzazione – e di virus: il dispositivo e’ stato realizzato da un gruppo di ricercatori dell’Harvard Medical School e del MIT di Boston guidati da Mehmet Toner e Brian Wardle.

Il dispositivo, si legge sulla rivista Small, nasce da una versione precedente di 4 anni fa realizzata dallo stesso Toner, ma a differenza di allora i nanotubi sono molto piu’ porosi e lasciano al sangue la possibilita’ di circolare piu’ liberamente al loro interno. In questo modo lo strumento e’ capace di ”intrappolare” le cellule tumorali otto volte meglio della versione originale, e sembrerebbe essere in grado anche di rilevare particelle ”sospette” molto piu’ piccole delle cellule tumorali circolanti, come i virus, noti per essere di dimensioni molto ridotte (fino a 40 nanometri).

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x