14.3 C
Roma
giovedì, Ottobre 28, 2021

Arrivare alle misteriose profondita’ del cervello

Da leggere

Alcuni ricercatori finanziati dall’UE hanno sviluppato una nuova tecnica innovativa in grado, per la prima volta, di mappare le connessioni e le funzioni delle cellule nervose nel cervello, gli scienziati hanno così fatto un passo avanti verso lo sviluppo di un modello computerizzato del cervello.

Lo studio, pubblicato su Nature, è stato condotto da un gruppo di neuroscienziati dell’University College di Londra (UCL) ed è stato in parte finanziato da un contributo iniziale del Consiglio europeo della ricerca nell’ambito del Settimo programma quadro (7° PQ).

Secondo le stime ci sarebbero 100 milioni di cellule nervose (“neuroni”) nel cervello, ognuna connessa a migliaia di altre cellule – il che significa un totale di circa 150 miliardi di miliardi di connessioni (o “sinapsi”).

Sul modello della genomica, che mappa la nostra struttura genetica, questo nuovo tipo di ricerca è stato chiamato “connettomica” visto che mira a mappare le sinapsi del cervello. Una volta che gli scienziati avranno compreso tali connessioni, potranno vedere come le informazioni passano attraverso i circuiti del cervello e potranno cominciare a capire come le nostre percezioni, sensazioni e pensieri sono generati.

Queste conoscenze ci aiuterebbero a capire meglio il morbo di Alzheimer, la schizofrenia e gli ictus.

“Come possiamo capire come funzionano i collegamenti neurali del cervello?” chiede il dott. Tom Mrsic-Flogel, uno dei ricercatori dell’UCL. “Prima dobbiamo capire la funzione di ogni neurone e scoprire a quale altra cellula cerebrale è connesso. Se riusciamo a trovare il modo di mappare le connessioni tra le cellule nervose di certe funzioni, saremo poi nella posizione di cominciare a sviluppare un modello computerizzato per spiegare come le complesse dinamiche delle reti neurali generano i pensieri, le sensazioni e i movimenti.

Il team ha usato una tecnica sviluppata nei topi che permette loro di mettere insieme informazioni sulla funzione dei neuroni e i dettagli delle loro connessioni sinattiche. Usando imaging ad alta risoluzione all’interno della corteccia visiva del cervello del topo, che contiene migliaia di neuroni e milioni di diverse connessioni, il team è riuscito a rilevare quali di questi neuroni rispondeva a un particolare stimolo, per esempio una superficie orizzontale.

I ricercatori hanno poi studiato un altro sottogruppo di neuroni per vedere quali neuroni rispondevano allo stesso stimolo; questo ha permesso loro di stabilire se questi neuroni erano sinatticamente connessi al primo gruppo di neuroni.

Hanno scoperto che i neuroni che rispondevano in maniera molto simile allo stesso stimolo visivo, come superfici con la stessa orientazione (cioè una superficie orizzontale o una superficie verticale) o a caratteristiche visive più complesse come visi, tendevano a connettersi di più tra di loro rispetto a quelli che rispondevano a stimoli diversi.

I risultati di questo studio fanno quindi avanzare le nostre conoscenze volte a stabilire se le connessioni locali tra neuroni avvengono sporadicamente a caso e a prescindere dalla funzione o se i neuroni si connettono ad altri neuroni dopo aver risposto a particolari stimoli.

“Stiamo cominciando a capire la complessità del cervello,” dice il dott. Mrsic-Flogel. “Una volta capita la funzione e la connettività delle cellule nervose che si estendono per diversi strati del cervello, potremo cominciare a sviluppare una simulazione al computer del funzionamento di questo straordinario organo. Ci vorranno però molti anni di lavoro in collaborazione tra gli scienziati e un’enorme potenza di elaborazione da parte dei computer prima che ciò possa avvenire.”

La comprensione del complesso funzionamento interno del cervello è adesso più vicina grazie a questo studio che fornisce agli scienziati un nuovo strumento con il quale esplorare più a fondo il più misterioso degli organi umani. Questi risultati hanno anche implicazioni positive per rivelare il circuito funzionale delle zone che stanno alla base di tatto, udito e movimento.

Per maggiori informazioni, visitare:

University College London:
http://www.ucl.ac.uk/

 

0 0 votes
Article Rating
- Advertisement -

Più articoli

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
- Advertisement -

Ultimi inserimenti

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: