Al via la campagna educazionale …

Eventi itineranti nelle p…

Gastroenterite: In Italia Colpit…

Il Rotavirus è la prima c…

Presso il Policlinico Ponte San …

Trattamento “high tech” p…

Dalle onde cerebrali si leggono …

[caption id="attachment_9…

Fibrosi cistica: nuova strategia…

Una recente ricerca pubbl…

I segreti della memoria "spazial…

Due nuove ricerche sui ra…

AIDS: trant'anni di lotta, ma c'…

Sono passati ormai quattr…

Pesce e overdose di mercurio

I ricercatori scoprono ch…

Medicina della riproduzione: stu…

Stress Ossidativo e Radic…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Umore migliore con nuovi neuroni

La neurogenesi nell’adulto migliora il comportamento di riconoscimento di schemi ed è un fattore necessario ma non sufficiente per eliminare i comportamenti depressivi

Topi adulti ingegnerizzati per avere una maggiore generazione di nuovi neuroni nell’ippocampo sono particolarmente abili nel discriminare fra esperienze simili, una capacità che declina normalmente con l’età e in presenza di disturbi d’ansia. In unione ad altri fattori, la stimolazione della neurogenesi nell’ippocampo produce inoltre effetti antidepressivi. A scoprirlo è stata una ricerca condotta presso la Columbia University e pubblicata sulla rivista Nature.

 

I ricercatori hanno per la prima volta individuato gli effetti di un aumento della neurogenesi nell’adulto attraverso la creazioni di un ceppo di topi che è deficitario di un gene necessario all’apoptosi dei neuroni neonati nell’ippocampo adulto.

 

“Questi topi con più neuroni giovani riuscivano meglio a riconoscere differenti ‘schemi’ in compiti che normalmente diventano via via più difficili con l’età. Un deficit in questa capacità può anche contribuire all’ansia, attraverso una eccessiva generalizzazione che porta a individuare come pericolosi stimoli ambigui”, spiega Rene Hen, che ha diretto lo studio.

 

“Il nostro studio dimostra che la stimolazione della neurogenesi nell’adulto è sufficiente a migliorare il comportamento di riconoscimento di schemi, anche se questo è un fattore necessario ma non sufficiente per eliminare il comportamento depressivo”.

 

Gli esperimenti condotti dai ricercatori hanno infatti indicato che la sola stimolazione della neurogenesi non induce effetti anti-ansia o antidepressivi, ma che questi si manifestavano dopo che per un certo periodo i topi erano indotti a fare costante esercizio fisico, cosa che suggerisce che per esplicare tali effetti la neurogenesi abbisogni di un “innesco” rappresentato da stimoli ambientali.

 

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!