SLA: carotenoidi utili nella pre…

Una nuova ricerca suggeri…

Ciglia artificiali, sensori per …

Finanziato nell’ambito de…

Cancro: presentato al British Sc…

Cancro, potrebbe essere u…

LA CONSULTA SUL TABAGISMO FESTEG…

Roma - Il 10 gennaio 2005…

Le Società scientifiche della di…

TANTE LE CRITICITÀ E LE C…

Alzheimer: tre nuovi biomarker p…

Per la malattia di Alzhei…

Nevralgie del trigemino al Forla…

[caption id="attachment_1…

Lo sport migliora la potenza e l…

L'esercizio fisico contra…

L'uomo, la fertilità, ed il suo …

Anche gli uomini hanno un…

Fibrosi cistica: tessuto polmona…

Un tessuto polmonare colt…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cancro alla prostata: efficace ‘pare’ essere un fungo cinese commestibile

Un fungo commestibile usato da secoli in Cina e in altri paesi asiatici per le sue qualita’ medicinali, la ‘coda di tacchino’ o Coriolus versicolor, si e’ rivelato altamente efficace nel combattere il cancro alla prostata. Scienziati dell’Universita’ di tecnologia del Queensland (Qut), in Australia, hanno dimostrato che il composto detto polisaccaropeptide (Psp), estratto dal fungo, ha avuto un’efficacia del 100% nel sopprimere lo sviluppo del cancro alla prostata in topi di laboratorio, colpendo le cellule staminali del tumore stesso e sopprimendo la sua formazione.
In una relazione sulla rivista della Public Library of Science, PLoS One, Patrick Ling dell’Istituto per la salute biomedica e l’innovazione della Qut, scrive che i risultati rappresentano un passo importante nel combattere una malattia tra le piu’ diffuse e letali. ‘Cio’ che volevamo dimostrare era se quel composto puo’ arrestare dall’inizio lo sviluppo dei tumori alla prostata… In passato altri inibitori hanno mostrato in sperimentazioni di ricerca un’efficacia del 70%, mentre con il Psp abbiamo osservato un’efficacia del 100%, per di piu’ senza alcun effetto collaterale’.

Ling aggiunge che le terapie convenzionali sono efficaci solo contro certe cellule cancerose, ma non quelle staminali, che danno inizio al cancro e fanno progredire la malattia. Il composto inoltre potra’ migliorare l’efficacia dei trattamenti correnti. ‘Il problema maggiore di tali trattamenti e’ che vi sono sempre dei tumori soffici residui, che resistono alle terapie. Ora potremo eliminare quei tumori residui, colpendo le cellule staminali, e cosi’ rafforzare la sopravvivenza d’insieme dei pazienti’, scrive.
In Asia il Coriolus versicolor e’ ambito da molti secoli per le sue efficacissime sostanze biovitali, per il conseguente valore fisiologico-nutrizionale e per l’effetto stimolante del sistema immunitario, soprattutto grazie all’elevata percentuale di polisaccaridi con legami proteici fra cui il Psp

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi