Tosse: individuato un nuovo rece…

[caption id="attachment_1…

Se i tagli si applicano meccanic…

Roma, 3 marzo 2015 - E’ s…

Contraccezione ormonale, informa…

La Regione rimane fanalin…

Una proteina a protezione del ce…

Si chiama retinoblastoma …

Tumori: tracciati i rischi delle…

Esplorati in un complesso…

Depressione: sviluppato uno spra…

Un gruppo di ricercatori …

PSA: esame dal quale si ottengon…

I possibili benefici e r…

Radioterapia: piccole dosi in gr…

Grazie a una sperimentazi…

Settimana europea della vaccinaz…

In Italia la copertu…

Batteri e guerra di segnali: Pse…

Anche nella lotta tra mic…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La vista presto ‘risarcita’ da una lente a contatto bionica

Permettere ai non vedenti di riacquistare la vista potrebbe essere possibile grazie ad ”una lente a contatto bionica, sulla quale e’ applicato un microchip che funziona come una telecamera, in grado di trasmettere il segnale ad un sistema wireless applicato nelle vie retrocorticali”.

E’ il sistema, finora sperimentato con successo solo su animali da laboratorio (per un intervallo di tempo limitato), presentato da Duilio Siravo, presidente dell’Accademia Italiana Oftalmologia Legale, in occasione del 9° Congresso Internazionale della Societa’ Oftalmologica Italiana, che si e’ aperto oggi a Roma. La strada per una possibile applicazione sull’uomo, secondo Siravo, e’ ancora lunga ma e’ in via di preparazione una proposta per avviare una sperimentazione umana in Italia, da sottoporre al Ministero della Salute.


”La lente a contatto bionica applicata agli individui, una volta realizzata la sperimentazione – afferma all’ANSA Seravo – potrebbe essere pronta in pochi anni su pazienti che presentano alterazioni retiniche o traumatiche”. ”La lente, al cui interno e’ posizionato un nanostrato di metallo (cioe’ un metallo alto quanto un millesimo del diametro di un capello) – prosegue Siravo – viene inserita in un occhio solo e bypassa il bulbo oculare, mandando i segnali direttamente sul nervo ottico o nelle aree cerebrali deputate all’elaborazione. Per questo, se convalidata, potrebbe rappresentare una valida alternativa per tutti coloro che hanno una patologia che danneggia anche il nervo ottico”. Le universita’ attualmente candidate all’eventuale sperimentazione sono l’Alma Mater di Bologna e la Seconda Universita’ degli studi di Napoli. (ANSA).

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi